Caro bollette, a Palermo sfilano anche i sindaci: «Senza soldi per i servizi, toccherà ai cittadini pagare»

Misure urgenti e concrete. Ma anche e soprattutto di sistema, per fare fronte al caro energia. È l’obiettivo con cui oggi hanno sfilato a Palermo decine di associazioni di categoria e di cittadini, insieme ai sindacati. Non un giorno di protesta, nelle intenzioni degli organizzatori, ma un modo per attirare l’attenzione su un problema e, soprattutto, sulle sue possibili soluzioni. Raccolte in una lista di sedici proposte indirizzate al presidente della Regione Renato Schifani e al prefetto di Palermo Giuseppe Forlani. Possibili soluzioni alle difficoltà delle famiglie ma anche delle imprese, a fianco delle quali hanno sfilato anche diversi sindaci siciliani. Non una mera solidarietà, ma una discesa in campo dei Comuni, terzo anello di questa catena di rincari che, alla fine, ricadrà sempre sui cittadini.

Tra le 16 proposte ci sono innanzitutto l’introduzione di un tetto massimo al prezzo dell’energia e vari aiuti per il pagamento delle bollette del prossimo anno: tra credito d’imposta, moratorie e rateizzazioni più lunghe. Oltre alla richiesta di finanziamenti a tasso agevolato alle imprese in crisi di liquidità, ristori regionali e aiuti specifici per l’agricoltura e il settore dell’ortofrutta. L’idea però è quella di guardare avanti e prevedere delle riforme strutturali a partire da un diverso conteggio degli oneri di gestione in bolletta fino a una nuova programmazione energetica green: con incentivi e semplificazioni per l’accesso alle fonti rinnovabili e per la creazione di comunità energetiche.

Un problema che non riguarda però solo i privati. Con bollette più che raddoppiate arrivate anche ai Comuni: come i circa 45mila euro di energia elettrica per far funzionare la pompa che permette di distribuire l’acqua nelle case di poco meno di 4000 cittadini di un piccolo centro siciliano. «I fondi stanziati a inizio anno sono finiti a giugno. E non abbiamo i soldi per pagare il resto dell’anno – spiega Paolo Amenta, vicepresidente di Anci Sicilia e sindaco di Canicattini Bagni, nel Siracusano, ospite di Ora d’aria, in onda Radio Fantastica e Sestarete tv – Da quando c’è la legge sul federalismo fiscale, questi servizi vanno tutti pagati con tributi locali, quindi succederà questo: se io Comune spendo di più, pagherà il cittadino. Con una bolletta dell’acqua, oltre quella della luce, e una Tari più care».

L’idea è quella di chiedere al governo nazionale un intervento straordinario: e cioè dei fondi da destinare ai Comuni per far fronte a queste spese impreviste. Soldi che, comunque, rischiano di essere presi sempre dalle stesse tasche, cioè quelle dei cittadini. «Si poteva e bisognava pensarci prima – commenta asciutto Amenta – E invece si sono persi dieci mesi non affrontando la questione di sistema e fingendo di cercare soluzioni tampone per famiglie e imprese, come se il problema dei Comuni non ricadesse appunto e sempre su di loro». Ma non solo, per Amenta la lista dei ritardi è persino più lunga: «E comprende le fonti rinnovabili, su cui siamo molto indietro. E assolutamente dipendenti da altri Paesi».


Dalla stessa categoria

I più letti

Misure urgenti e concrete. Ma anche e soprattutto di sistema, per fare fronte al caro energia. È l’obiettivo con cui oggi hanno sfilato a Palermo decine di associazioni di categoria e di cittadini, insieme ai sindacati. Non un giorno di protesta, nelle intenzioni degli organizzatori, ma un modo per attirare l’attenzione su un problema e, […]

Misure urgenti e concrete. Ma anche e soprattutto di sistema, per fare fronte al caro energia. È l’obiettivo con cui oggi hanno sfilato a Palermo decine di associazioni di categoria e di cittadini, insieme ai sindacati. Non un giorno di protesta, nelle intenzioni degli organizzatori, ma un modo per attirare l’attenzione su un problema e, […]

Misure urgenti e concrete. Ma anche e soprattutto di sistema, per fare fronte al caro energia. È l’obiettivo con cui oggi hanno sfilato a Palermo decine di associazioni di categoria e di cittadini, insieme ai sindacati. Non un giorno di protesta, nelle intenzioni degli organizzatori, ma un modo per attirare l’attenzione su un problema e, […]

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]