Caltanissetta, sgomberati 80 richiedenti asilo Fuori dal Cara, tende di fortuna e senza acqua

«Costretti a vivere in condizioni subumane». Così il medico nisseno, Puccio Dolce, aveva commentato un mese fa la visita all’accampamento profughi di Pian del Lago a Caltanissetta, situato sotto il cavalcavia della strada statale 640 Dir, su un terreno privato proprio di fronte al grande centro d’accoglienza per migranti e richiedenti asilo, sede anche del Cie. Una visita che venne effettuata insieme agli attivisti dello Sportello Immigrati per tentare di avviare un ambulatorio medico gratuito per i migranti rimasti all’addiaccio per tutto l’inverno e sollecitare una soluzione alle istituzioni preposte, Prefettura e Comune. Tende di fortuna, niente acqua e bagni chimici. 


Oggi, per l’ennesima volta per motivi igienico-sanitari, le forze dell’ordine hanno sgomberato il campo dove trovavano rifugio un’ottantina di richiedenti asilo provenienti da Gambia, Pakistan e Afganistan. Un numero cresciuto notevolmente nel giro di un mese. A febbraio, con temperature proibitive, erano poco più di una decina. L’operazione è stata condotta da polizia, carabinieri e polizia municipale con l’ausilio di operai e una pala meccanica della società di smaltimento rifiuti per rimuovere le poche suppellettili e le tende in cui i migranti dormivano. I richiedenti asilo hanno inscenato una protesta sulla strada provinciale 5, ma è durata pochi minuti dopo la mediazione dell’ufficio immigrazione della Questura. Per tutti, infatti, è stato trovato un riparo dignitoso. Venti di loro sono entrati al centro d’accoglienza di Pian del Lago, altri smistati nei centri d’accoglienza straordinaria del capoluogo. In tutta la provincia di Caltanissetta, oltre al Cara di Pian del Lago, sono presenti 17 strutture per minori, sette Cas e otto Sprar. 

Negli anni l’area, una volta sgomberata, è stata sistematicamente rioccupata dopo poche settimane, se non giorni. Molti di questi migranti tornano a Caltanissetta soltanto per il rinnovo del permesso di soggiorno. Altri, invece, semplicemente rimangono in attesa di una collocazione al Cara. Nel frattempo, a decine, si accampano fuori dal centro di Pian del Lago e nei casolari di campagna abbandonati sempre nelle vicinanze, perché l’unica forma di sussistenza è rappresentata dalla solidarietà di altri rifugiati del centro che portano loro qualche pasto caldo che avanza. Un sostegno arriva loro dallo Sportello Immigrati, anche sotto il profilo legale e, negli ultimi mesi, dai Padri comboniani di Palermo che periodicamente si recano a Caltanissetta e dai volontari dell’Oxfam, sotto forma di kit di prima necessità e tende da campeggio per affrontare la notte. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]