Caccamo, lenzuola ai balconi per i funerali di Roberta Il fidanzato avrebbe tentato di dare fuoco alla cella

Lenzuola bianche ai balconi, con la frase io sono Roberta che riecheggia per le strade del paese. Così Caccamo, non potendo scendere in strada per via delle misure anti Covid, ha voluto stringersi attorno ai familiari e agli amici di Roberta S., la ragazza di 17 anni uccisa e trovata in un dirupo nei pressi del centro del Palermitano. La bara bianca, ricoperta di fiori, con sopra la foto della ragazza è stata accompagnata dai genitori e rappresentanti di amici e compagni di scuola nella chiesa di Caccamo, dove la cerimonia, officiata dall’arcivescovo di Palermo, Corrado Lorefice, è stata trasmessa in streaming dai canali social del Comune, per permettere a tutti di partecipare, seppure in maniera virtuale.

Grossa la commozione. «Siamo qui, sconvolti. Senza parole – dice Lorefice durante l’omelia – Ancora una volta, risuona un grido: Perché? Perché questo strazio indicibile? L’intera famiglia umana oggi piange Roberta. Chiunque sia violento non sa che la violenza ha la forza distruttiva di una bomba all’idrogeno: provoca una deflagrazione a cascata. Nel costato di Cristo, aperto e trafitto con violenza, entrano tutti i cuori lacerati dalla violenza. Il cuore di Cristo attende anche il dolore, che deve essere dilaniante, e il pentimento, a caro prezzo certamente, di coloro che provocano violenza».

Alla fine della funzione c’è stato spazio anche per il messaggio prima dei familiari, poi delle amiche della ragazza uccisa. «Ci rivolgiamo alle donne: non abbiate timore, parlate – dice un cugino di Roberta, a cui è toccato il gravoso compito di rappresentare i familiari – Voi amiche, parenti, colleghe, denunciate se la vittima non è in grado di farlo. Il sentimento che si crede amore può essere una trappola grande: non siate indifferenti, non giratevi dall’altra parte». «Il cuore è a pezzi, facciamo fatica a crederci – il messaggio delle amiche – Roberta meritava di essere felice, di divertirsi, imparare, crescere, amare e vivere. Porteremo vivo il ricordo della bellissima ragazza che sei, della tua gentilezza e della tua bontà d’animo, della tua voglia di vivere, della tua risata che non mancava mai. Ti chiediamo scusa per non avere capito fino in fondo, e chiediamo giustizia per te e per tutte le donne perché questo non capiti mai più».

Intanto a Palermo, nel carcere di Pagliarelli, Pietro Morreale19enne fidanzato di Roberta accusato del delitto, pare abbia tentato di appiccare il fuoco all’interno della sua cella con una sigaretta e un rotolo di carta igienica. Un proposito che non sarebbe andato a buon fine grazie all’intervento delle guardie carcerarie, che tengono sotto costante sorveglianza il giovane, che non ha mai ammesso di essere il responsabile dell’omicidio. Le indagini coordinate dalla procura di Termini Imerese vanno avanti. Secondo il medico legale, Roberta non sarebbe stata strangolata, vista la mancanza di segni evidenti sul collo, ma potrebbe tuttavia essere morta per asfissia. E stando alle ricostruzioni dei periti avanza l’ipotesi che la ragazza possa essere stata ancora viva quando è stata data alle fiamme.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]