Boschetto Playa, lungo calvario del parco avventura La società: «Per aprire serve permesso del Comune»

«Il boschetto della Playa, il più grande di Catania, si trova in uno stato pessimo: ci sono seri problemi di erosione che riguardano i pini e gli eucalipti e c’è un parco divertimenti abbandonato a se stesso che deve essere messo in sicurezza». Parola di Mirella Clausi del circolo Città felice, che – insieme alla rete di associazioni La ragna-tela – ha deciso di denunciare lo stato del polmone verde cittadino. «Tempo fa – dice Clausi a MeridioNews – abbiamo portato al boschetto due professori dalle università di Bari e Vienna per far effettuare loro una verifica sulle condizioni di salute di questi alberi: si sono accorti che sono pieni di parassiti xilofagi che ne corrodono il legno».

A destare maggiore preoccupazione nelle associazioni è tuttavia la presenza di un parco divertimenti, i cui lavori sono stati ultimati lo scorso anno, che si trova all’interno del boschetto in stato di inattività e che, secondo Clausi, può costituire un pericolo per i bambini che vi si recano a giocare senza alcuna supervisione e in assenza di strutture di sicurezza: «Quando nel 2015 abbiamo saputo dell’imminente realizzazione del parco avventura in un’area già piuttosto malmessa ci siamo molto allarmati, ponendoci il problema della sua sostenibilità e della sicurezza. Avevamo organizzato un convegno e lanciato un appello per salvare il boschetto e ci siamo confrontati in quell’occasione con l’assessore D’Agata, richiedendo la documentazione relativa al parco avventura». Della cui realizzazione si è occupata la società 5Nodi srl

La replica da parte degli uffici dell’amministrazione, però, non è stata soddisfacente. «Ci è stato risposto – continua la referente dell’associazione – che non c’era alcuna documentazione perché si trattava di una struttura mobile, il che ci ha lasciati basiti. Recentemente, abbiamo poi fatto un sopralluogo al boschetto: il parco avventura è stato completato, ma è stato abbandonato e le strutture sono incustodite. Ci sono le passerelle installate sugli alberi e le scalette per salirci sopra, sono tranquillamente accessibili a chiunque. Ci abbiamo anche trovato dei bambini che ci giocavano da soli, è chiaramente una situazione di rischio».

A seguito di una nuova richiesta ufficiale di chiarimenti e documentazioni da parte della rete Ragna-tela al Comune di Catania, Mirella Clausi è stata contattata negli scorsi giorni dagli uffici di Tutela e gestione del verde pubblico: «La dottoressa Lara Riguccio dell’assessorato al Verde si è mostrata disponibile a incontrarci e parlarne. Sicuramente ci sarà un incontro dopo Pasqua. Ciò non toglie che la situazione di pericolo nell’area verde della Playa per noi continua a sussistere e che è necessario fare chiarezza per capire meglio, perché non ci è chiaro, il ruolo e le eventuali responsabilità della ditta che ha realizzato il parco avventura al boschetto».

«Il parco divertimenti è ancora chiuso perché si sta aspettando l’autorizzazione da parte del Comune», afferma – raggiunto telefonicamente da MeridioNews Emilio Lucifora, uno dei soci della 5Nodi srl. «Vado spesso negli uffici per provare a velocizzare il processo burocratico di messa in regola che purtroppo ha dei tempi molto dilatati – continua – Il vero problema è che viviamo in una città in cui l’educazione è inesistente: io ho messo, e continuo a mettere, dei catenacci per bloccare in alto le scale, nonché dei cartelloni segnaletici, per impedire che chiunque possa arrampicarsi sulle piattaforme e utilizzarle impropriamente, ma c’è chi lo fa anche in mia presenza, noncurante dei miei richiami. Più volte a settimana mi reco sul posto per pulire e sistemare ciò che puntualmente viene vandalizzato, divelto e rimosso, ossia i cartelli che indicano divieto d’accesso alla struttura e i catenacci». 

Di più, dice Lucifora, la società non può fare. «Sta ai cittadini e alle famiglie comportarsi in maniera civile e insegnare a rispettare i divieti. La porzione di parco in cui sorge il percorso avventura – chiarisce Lucifora – non si può recintare perché per legge deve essere sempre fruibile negli orari di apertura. Quanto alla cura del verde nel parco avventura, è vero che spetta a noi, ma da contratto non possiamo agire di nostra iniziativa: dev’essere sempre il Comune a ordinare un determinato intervento».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]