Boschetto Playa, al via lavori per il parco avventura «Piattaforme alte, l’area resterà accessibile a tutti»

«Certo, forse lei avrebbe più difficoltà a concentrarsi. Però a me sembra una bella cosa». Un giovane sportivo che si allena al boschetto della Playa indica con un dito una donna intenta a fare yoga. A pochi passi da lei un albero con una piattaforma, una di quelle del parco avventura che, dopo uno stop di un anno, è in fase di allestimento nell’area verde cittadina. Un’iniziativa che ha incontrato le proteste dei cittadini, preoccupati dalla possibilità di poter fruire del polmone verde con delle limitazioni. L’inaugurazione era prevista per lo scorso maggio, ma è slittata di un anno per problemi amministrativi legati all’avvicendamento del responsabile unico del procedimento per il Comune. 

Ad aggiudicarsi il bando, avviato nel corso della sindacatura di Raffaele Stancanelli, è stata la società 5 nodi. L’affidamento è disposto per dodici anni e sono quattro gli ettari interessati dal progetto su un’estensione totale di 28. Ma a destare le perplessità degli habitué del parco è il timore di non poter passare sotto piattaforme, carrucole e funi. «Una parte del boschetto è già occupata da vigili e polizia – analizza uno sportivo – La porzione interessata dal parco avventura sarà il 25-30 per cento, ma su un’area fruibile già dimezzata». I cinque percorsi previsti, infatti, attraversano i vialetti e hanno il loro punto principale al centro dell’area verde. Là dove si concentrano anche amanti delle due ruote e della corsa. «Certamente sarà possibile passare – garantiscono Francesco Petralia, Emilio Lucifora e Pietro Ramondetta, componenti della società – È un’area pubblica quindi tutto il bosco, come avviene in strutture simili, sarà accessibile. Monteremo delle piattaforme molto alte, che non interferiscono assolutamente con la fruizione». Le uniche che avranno un’altezza minore, specificano, sono quelle del percorso riservato ai bambini.

La gara per l’assegnazione, svoltasi ormai due anni fa, la prima volta è andata deserta e alla seconda chiamata ha visto la partecipazione dei soli tre soci della 5 nodi. «Un parco giochi di queste dimensioni ha un costo medio di 150mila euro per la sua costruzione. Il Comune pagherà 47mila euro più iva per realizzarlo», sottolinea Petralia. La progettazione a un costo minore, spiegano gli imprenditori, è stata possibile grazie alle competenze personali degli stessi, che si occupano di consolidamento, ovvero la messa in sicurezza di costoni rocciosi e frane. «Noi dovremo gestire tutta l’area, fare la manutenzione e restituire attraverso i servizi 33.400 euro all’anno». L’elenco di cose da fare si prospetta lungo: dall’eliminazione delle erbacce e dei rovi al recupero delle zone al momento inaccessibili. 

L’amministrazione, secondo i piani, ottiene il vantaggio di valorizzare un’area che spesso resta chiusa per lunghi periodi. E il guadagno per il privato? «Il nostro intento è creare un’area fruibile per tutti – affermano i tre soci – Se si ha il piacere di fare un gioco, si paga un ticket e si riceve l’attrezzatura». Assieme ai percorsi, gestiranno anche un piccolo chiosco. Le tariffe, aggiungono, saranno simili a quelle attuate in altre strutture sull’Etna: «In media con gli altri, se non inferiori». Oltre ai percorsi aerei, «punteremo molto ad attività ludico-didattiche con le scuole». L’interesse della società, precisano, è far sì che il bosco sia il più possibile frequentato e valorizzato: «Più gente viene meglio è; saranno poi i catanesi a giudicare se abbiamo dato un servizio oppure no». E per quanto riguarda i ritardi, i componenti della società non faranno ricorso. La speranza «è di aprire ad aprile o a maggio. Ma dipende dalle condizioni meteo e dalle ultime beghe burocratiche». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

L'inaugurazione dello spazio è slittata di un anno per problemi amministrativi. Ma la preoccupazione degli habitué rimane la stessa: il rischio di non poter usufruire del polmone verde. «È un'area pubblica, sarà sempre possibile passare», garantiscono i componenti della società che ha vinto il bando

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]