Blitz ad Adrano, tra gli arrestati anche un poliziotto Accordo tra i clan Santangelo e Scalisi per il pizzo

Anche un poliziotto. Tra le persone arrestate oggi nel blitz Adranos della squadra mobile di Catania, c’è pure un collega degli agenti. In servizio al commissariato di Adrano, col ruolo di assistente capo, Francesco Palana (classe 1973) è accusato di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. Il componente delle forze dell’ordine, adesso sospeso dal servizio, si sarebbe approvvigionato di droga tramite Salvatore Crimi, detto Turi ‘u cani, classe 1986, ritenuto uomo di fiducia del boss Alfio Santangelo. Il 26 aprile 2016, quando gli uomini della squadra mobile lo hanno fermato, Palana stava passando dal casello di San Gregorio, sulla A18 Messina-Catania: nella sua auto ci sarebbero stati 9,2 grammi di cocaina nascosti in un cofanetto. Adesso per lui si sono aperte le porte del carcere, dopo gli arresti domiciliari a Terme Vigliatore (in provincia di Messina).

Ma questo è solo uno dei dettagli dell’operazione resa nota questa mattina. I destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare sono, in tutto,
33. Ma quattro non sono ancora stati presi: due si trovano all’estero, e altri due sono latitanti e, attualmente, ricercati. Le indagini sono durate due anni: da settembre 2014 a quello del 2016 le intercettazioni telefoniche e ambientali sono servite, per gli inquirenti, a ricostruire l’organigramma della cosca Santangelo Taccuni, storicamente alleata della famiglia Santapaola-Ercolano. Nel 2015 gli arresti di Antonino Quaceci e Nino Crimi avrebbero costretto il clan – storicamente diretto dal capomafia Alfio Santagelo – a riorganizzarsi: il controllo delle attività sul territorio sarebbe passato a Gianni Santangelo e a Salvatore Crimi. Sarebbero stati questi ultimi a trarre i primi frutti dell’accordo con gli avversari di sempre: il clan Scalisi, vicini alla famiglia mafiosa dei Laudani.

Il patto sarebbe stato semplice: 
il mercato ortofrutticolo sarebbe stato gestito da entrambe le famiglie. Pizzo agli imprenditori del settore e a quelli attivi nel commercio all’ingrosso delle carni. E poi le estorsioni a imprese adranite e rapine e furti, anche alle banche. In questo quadro andrebbe vista la collaborazione tra Antonino Bulla, Antonino La Mela, Pietro Maccarrone e Nicola Amoroso (questi ultimi due finiti in manette l’11 luglio, nel corso dell’operazione Illegal duty): avrebbero chiesto il pizzo al titolare di un’impresa di estrazione di materiale lavico, con sede ad Adrano. Ma gli spari davanti all’azienda non sarebbero bastati a fare cedere l’imprenditore, che si sarebbe comunque rifiutato di pagare. Altro giro, altra corsa: Nicola D’Agate e Andrea Palmiotti avrebbero chiesto a un altro imprenditore di pagare 31mila euro. E sarebbero stati più convincenti dei precedenti: mille euro sarebbero stati versati in contanti e 30mila euro tramite assegno postale. 

Nell’inchiesta c’è poi un intero capitolo che si svolge a
Santa Maria di Licodia. Era il 23 gennaio 2015 quando Nicolò Trovato, Francesco Rosano e Maurizio Pignataro, su ordine di Nino Crimi, sarebbero andati all’interno dell’abitazione di una donna. Il compagno di lei sarebbe stato colpito ripetutamente alla testa con il calcio di una pistola finché la proprietaria di casa, che assisteva alla scena insieme alla madre – entrambe sotto minacce -, non ha rivelato il luogo in cui si trovava la cassaforte: dentro c’erano 480mila euro. Nella notte del 25 dicembre dello stesso anno, Trovato e Pignataro avrebbero poi tentato un altro colpo da migliaia di euro: stavolta ai danni della filiale del Banco popolare siciliano. Assieme a due complici avrebbero prima bloccato le strade nei pressi della banca e poi avrebbero usato un escavatore per scardinare il bancomat. Una refurtiva da 75mila euro, se non fossero stati arrestati in flagranza. I mezzi che avevano usato sono poi risultati rubati.

L’elenco degli arrestati

Alfio Santangelo (classe 1953), detto Taccuni, pregiudicato e già detenuto;
Antonino Quaceci (classe 1970), detto Topo grigio, pregiudicato e già detenuto;
Nino Crimi (1980), detto ‘U ricuttaru, pregiudicato e già detenuto;
Salvatore Crimi (1986), detto Turi ‘u cani, pregiudicato e già detenuto;
Gianni Santangelo (1983), detto Giannetto, pregiudicato;
Antonino Bulla (1983), detto ‘U picciriddu, pregiudicato;
Giuseppe La Mela (1973), detto Pippu Tarantella, pregiudicato e già sorvegliato speciale;
Antonino La Mela (1975), detto Nino Tarantella, pregiudicato;
Vincenzo Bulla (1994);
Rosario Galati Massaro (1994), detto Spara frecce, pregiudicato;
Nicola D’Agate (1989), pregiudicato e già detenuto;
Nicolò Trovato (1991), detto Bulldozer, pregiudicato;
Maurizio Pignataro (1977), detto ‘U sceriffo, pregiudicato e già ai domiciliari;
Nicolò Rosano (1980), detto Pipituni, pregiudicato;
Vincenzo Rosano (1968), detto Pipituni, pregiudicato e già sorvegliato speciale;
Francesco Rosano (1990), detto Pipituni, pregiudicato e già detenuto all’estero;
Salvatore Sangrigoli (1997), pregiudicato e già agli arresti domiciliari;
Salvatore Quaceci (1992);
Marco Ricca (1990), pregiudicato;
Andrea Palmiotti (1979), pregiudicato;
Francesco Palana (1973), già ai domiciliari;
Ignazio Vinciguerra (1965), detto ‘Gnaziu a cascia, pregiudicato;
Antonino Foti (1993), detto Nino ‘u sceccu, pregiudicato;
Vincenzo Nicolosi (1989), detto Bafacchia, pregiudicato;
Alfredo Pinzone (1964), pregiudicato e già detenuto;
Nicola Mancuso (1982), pregiudicato e già detenuto;
Biagio Trovato (1990), pregiudicato e già detenuto;
Angelo Pignataro (1988), pregiudicato e già detenuto;
Luigi Leocata (1970).


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Francesco Palana è accusato di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio. È lui l'agente di polizia finito in manette oggi nel blitz Adranos, contro la famiglia mafiosa attiva nel territorio da cui l'inchiesta prende il nome. Nell'indagine, oltre alla droga, anche rapine e furti con escavatore. Guarda foto e video. Tutti i nomi

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]