Blitz a Biancavilla, i 16 arresti nella città «blindata» Coinvolti i presunti capiclan e perfino un ex sindaco

Giuseppe e Vito Amoroso, l’avvocato e suo fratello. Nella «città blindata» di Biancavilla ci sono volute tre inchieste diverse, una dopo l’altra, per fotografare la nuova situazione della criminalità organizzata. Così al vertice del gruppo di Cosa nostra biancavillese ci sarebbero stati i due fratelli Amoroso, appunto, rispettivamente classe 1967 e 1972, entrambi pregiudicati, in grado di organizzare le squadre sul territorio. In manette stamattina sono finite 16 persone (delle quali dieci già in carcere), accusate a vario titolo di associazione a delinquere di stampo mafioso, associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti e al porto e alla detenzione illegale di armi. Per la procura di Catania, che si è avvalsa delle dichiarazioni di sei pentiti, sono tutti vicini al clan Tomasello-Mazzaglia-Toscano.

Le indagini cominciano nel lontano 2014, quando nel territorio pedemontano vanno in scena – uno dopo l’altro – gli atti di una guerra intestina mirata al potere: il 13 gennaio il pregiudicato Agatino Bivona viene ucciso a colpi di pistola e, due giorni dopo, la stessa sorte tocca a Nicola Gioco, detto ‘u picciriddu, raggiunto dai sicari mentre si trova all’interno della sua autovettura. A marzo di quell’anno Giuseppe Amoroso (l’avvocato, appunto) viene scarcerato e messo ai domiciliari a casa dei genitori. È lì che comincia a ricevere le visite di Giovanni Carciotto e Gregorio Gangi, suoi fedelissimi, con i quali avrebbe cominciato a discutere della possibilità di riorganizzare un gruppo sul territorio. Ci vuole poco perché a raggiungerli, a luglio, ci sia Vito Amoroso, anche lui uscito di galera e sottoposto ai domiciliari.

Il ritorno dei due fratelli Amoroso, e in particolare di Vito, secondo la ricostruzione degli inquirenti avrebbe messo in allarme la famiglia Maglia (anche loro affiliati ai Tomasello-Mazzaglia-Toscano e anche loro legati alla famiglia mafiosa catanese Santapaola-Ercolano), che avrebbe deciso di ucciderlo. Il proposito omicidiario, però, si sarebbe fermato il 6 ottobre 2014: gli uomini del commissariato di Adrano fermano un commando e non si consuma alcun delitto. L’inchiesta delle forze dell’ordine, comunque, continua fino all’anno dopo: nel 2015 un sequestro di cocaina, munizioni da fucile calibro 12 e una pistola calibro 7.65 Browning nascosti in un terreno di contrada Sant’Antonio (sempre a Biancavilla) conferma agli investigatori la strada seguita e l’esistenza di un clan al cui vertice sarebbero stati i fratelli Amoroso.

Il 10 gennaio 2016 un nuovo spartiacque: un tentato omicidio ai danni di Giuseppe Amoroso. Monitorando lui e i suoi uomini più fedeli (Gregorio Gangi, Roberto Licari, Vincenzo Panebianco e Riccardo Pelleriti), i militari ritrovano – il 9 giugno 2016 – un vero e proprio arsenale: una mitraglietta calibro 7.65, una pistola marca Glock, quattro pistole a tamburo di vario calibro oltre che diverse munizioni. Tutte nascoste in un terreno di contrada Don Assenzio, a Biancavilla. Tre mesi dopo, il 19 settembre 2016, Giuseppe Amoroso e Gregorio Gangi finiscono in manette: arrestati in flagranza per il reato di estorsione aggravata ai danni del bar Le carillon. Poco prima della fine dell’anno, in conclusione, scatta la prima delle due operazioni che delineano i contorni della malavita di Biancavilla: Onda d’urto (dicembre 2016, 12 arrestati) e Reset (aprile 2017, 6 arrestati). Oggi il blitz Città blindata. Agli arresti c’è anche Marcello Merlo, classe 1960, tra il 1993 e il 1994 sindaco di Biancavilla con Rifondazione comunista.

I nomi degli arrestati

Giuseppe Amoroso, classe 1972;
Vito Amoroso, classe 1967;
Giovanni Carciotto, classe 1984;
Tino Caruso, classe 1978;
Gregorio Gangi, classe 1989;
Alberto Gravagna, classe 1985;
Roberto Licari, classe 1987;
Andrea Monforte, classe 1982;
Alfio Ambrogio Monforte, classe 1969;
Alfio Muscia, classe 1978;
Vincenzo Panebianco, classe 1990;
Riccardo Pelleriti, classe 1995;
Placido Ricceri, classe 1986;
Carmelo Vercoco, classe 1973;
Massimo Merlo, classe 1972;
Marcello Merlo, classe 1960.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]