Beni confiscati, due case assegnate ai senzatetto In via Testulla un’abitazione era già stata occupata

Una goccia nel mare del disagio e del bisogno della città. Dentro ci potranno vivere cinque o sei persone. È il segnale che vuole lanciare il Comune di Catania da via Testulla, quartiere San Cristoforo, a poca distanza da via della Concordia. Due delle case terrane lungo la viuzza appartenevano alla criminalità organizzata e oggi, anni dopo la confisca, trovano una nuova vita. La direzione Politiche sociali ha affidato i due appartamenti, ai civici 126 e 132, a tre enti no profit con l’obiettivo di portarci a vivere alcuni fortunati senzatetto di Catania. La prima abitazione viene aperta ai giornalisti, la seconda – facciata bianca e due stanze al piano terra, da cui si accede tramite una scaletta – rimane chiusa. 

«Le visitiamo oggi per la prima volta, penso si prestino per ospitare persone che non hanno “scelto” la strada, casi di bisognosi che possano adattarsi rapidamente al ritorno fra le mura di una casa come padri separati o piccoli nuclei familiari», dice Dino Barbarossa della Fondazione Èbbene. I beni confiscati di via Testulla sono stati consegnati a questo ente, alla Croce Rossa e all’associazione Accoglienza e Solidarietà. Davanti alle case, però, ad attendere l’arrivo del sindaco Salvo Pogliese non ci sono soltanto gli addetti ai lavori. Una famiglia, appena finita la ristrutturazione, aveva già occupato l’immobile al numero 126 – due stanze al piano terra e due al piano rialzato, più servizi – e adesso chiede al Comune una nuova sistemazione. «Li aiuteremo, abbiamo già fissato un colloquio – spiega Barbarossa – e dato che percepiscono il reddito di cittadinanza potranno avere anche il sostegno per l’affitto».

In pratica dovunque ti giri, a Catania, spunta gente in cerca di casa. «Questa è un’emergenza che la città non ha mai vissuto così gravemente come oggi», ricorda il primo cittadino. Al suo arrivo via Testulla viene chiusa al traffico mentre lui va subito ad intrattenersi con gli ormai ex occupanti. L’anno scorso, in piena estate, l’amministrazione emanò la discussa ordinanza anti-bivacco promettendo, in parallelo, di destinare sei immobili ai clochard catanesi con la mediazione delle associazioni di volontariato . «Entro il 31 luglio consegneremo altre due case – promette Pogliese – e poi, grazie ai finanziamenti del Pon metro, ne ristruttureremo nel complesso una quarantina fra cui sicuramente quello di Cerza (in via Cefaly, ndr)». 

«I tempi si sono allungati, è vero, ma perché siamo in dissesto e abbiamo le casse comunali vuote», aggiunge l’assessore ai Servizi sociali Giuseppe Lombardo. Senza soldi le ristrutturazioni sono andate assai a rilento. «Tuttavia abbiamo mantenuto l’impegno e oggi diamo alle associazioni un presidio non solo di legalità ma anche di solidarietà». L’emergenza freddo – «a cui abbiamo comunque dato una risposta positiva» – intanto è passata. Oggi il termometro segna 38 gradi a San Cristoforo: «Anche l’emergenza caldo va tenuta in considerazione, come l’inverno, e noi la stiamo affrontando al meglio», conclude Lombardo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]