Before we die, una band catanese post-wave   Un album musicale tra pessimismo e ironia

Beginning is the best failure, disco di cinque brani uscito il 28 novembre 2015 per l’etichetta di band indipendenti Doremillaro Records, è il primo lavoro ufficiale dei Before we die. La formazione, tutta catanese, è composta da Gianluca Montagna, voce e synth – che studia ingegneria Informatica e organizza eventi con il collettivo Weak -, Manuel Sicilia alla batteria, Antonio La Rocca alla chitarra e Giuseppe Schillaci, proprietario dell’etichetta discografica, che sta al basso. Il pubblico catanese potrà vederli il 2 aprile alle ore 21 al teatro Coppola, in occasione dello showcase di presentazione ufficiale dell’album. «E a breve – annuncia Gianluca – uscirà il video di Like a tree, singolo ufficiale estratto dall’ep. Non vediamo l’ora di farvelo vedere».

Il gruppo nasce nel 2012, quando Gianluca e Antonio, entrambi da una decina di anni nel mondo della musica, pensano di mettere su un progetto che abbia come punto di riferimento la wave anni ’80 nelle sue varie sfaccettature. «A quasi 30 anni – racconta Gianluca – mi sono messo in testa di dare sfogo a quello che non avevo mai fatto durante la mia carriera da cantante». Ciò che emerge fin dalle prime prove è che il marchio di fabbrica dei Before we die è un genere nuovo, che coniuga diversi tipi di musica. «Antonio è riuscito a portare nei brani alcuni elementi delle sue influenze post-rock e si è creato un genere ibrido che ci piace definire post-wave». Apprezzato sia dagli intenditori che dai fan, che lo considerano originale.

I testi delle canzoni sono di Gianluca, che per la prima volta, oltre a cantare, suonerà sul palco durante i live. «L’album non è nato per essere un concept – spiega il cantante – anche se all’interno dei testi sono venute fuori situazioni al limite, problematiche tristi da affrontare, come l’eccessiva voglia di apparire e il fashion victim tra i ragazzi».
Il titolo dell’album, in italiano L’inizio è il miglior fallimento, non sembra essere incoraggiante e Gianluca ne svela il motivo. «Raccoglie tutte le storie, a tratti ironiche a tratti tristi, raccontate nei brani. È una scelta volutamente ironica perché il racconto del fallimento umano che emerge ricorda un po’ la visione pessimista leopardiana, anche se alla fine – assicura – non viene lanciato un messaggio negativo».

I musicisti sanno per certo che questo non è il loro ultimo lavoro e con il titolo del disco si lanciano una sfida. «È un autosfottò scaramantico. Per quanto si possa fallire l’importante è rimettersi in piedi e ricominciare a lavorare». Ma più che al fallimento, adesso la band pensa al futuro. «In questo momento la nostra esigenza è quella di organizzare un tour italiano e stiamo aspettando delle risposte dalle principali città dello stivale». Ma i Before we die puntano anche suonare in qualche festival estivo e a realizzare un album completo. «Non smettiamo mai di comporre, siamo in continua evoluzione e questo rende anche i nostri live speciali, perché spesso portiamo novità sul palco».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]