Banche, in Sicilia chiudono 21 filiali di Unicredit Sindacati: «E chi non sa usare gli smartphone?»

Digitalizzazione. È dietro questa parola che si celano le motivazioni della progressiva dismissione delle filiali della banca Unicredit. Da maggio a dicembre sono circa 800 punti che hanno chiuso i battenti in tutta Italia. Di queste 21 sono in Sicilia. «In particolare – lamenta Gabriele Urzì, segretario nazionale di Gruppo First Cisl – credo che anche questa vicenda possa essere riportata alla questione che nel nostro Paese si vive quasi esclusivamente di mode. Quella attuale è la conversione di qualsiasi cosa in digitale». 

A Palermo dovranno cambiare sportello i clienti delle filiale Autonomia siciliana, Libertà, De Gasperi, Principe di Paternò e per la provincia anche chi aveva fatto riferimento alla sede di Altavilla MiliciaBagheria in corso Butera, Isola delle Femmine, CapaciTerrasini. A Catania hanno chiuso definitivamente le agenzie di corso Italia, piazza Cutelli e via Etnea. Nella provincia etnea, invece, la chiusura ha riguardato l’agenzia di Belpasso Valcorrente Etnapolis e quella di Sant’Agata Li Battiati. A Messina sono stati trasferiti in altra sede gli utenti della succursale San Martino, mentre a Trapani quelli di Regione siciliana. Nel Trapanese la stessa sorte è toccata agli abitanti di Gibellina. Nell’Agrigentino a fare i conti con la novità sono i clienti Unicredit di Sciacca Noceto e Campobello di Licata, mentre nel Siracusano a chiudere sono state la filiale di Solarino e quella di Augusta in viale Italia.

«È vero che, ormai da anni, molte operazioni bancarie non si fanno nelle filiali perché basta un click tramite l’applicazione per smartphone – ammette il sindacalista – dunque è comprensibile la diminuzione di afflusso agli sportelli però non si può attuare un programma di chiusura generalizzato specie per quanto riguarda i servizi legati alla consulenza per i clienti. Le banche non possono diventare mere vetrine o punti vendita. E non è accettabile l’idea di promuovere le offerte per telefono come le proposte commerciali delle compagnie telefoniche o per le utenze domestiche». 

La questione maggiormente contestata è però la chiusura indiscriminata delle agenzie che, di fatto, non ha interessato solo i capoluoghi di provincia o i grandi centri che possono contare su altri sportelli bancari, ma anche «paesi medi o piccoli in cui la nostra di Unicredit era l’unica succursale attiva e che adesso sono rimasti completamente scoperti». È il caso di Altavilla Milicia, comune di ottomila abitanti in provincia di Palermo, e anche di Gibellina, paese di poco più di quattromila abitanti in provincia di Trapani. «I disagi più gravi – spiega Urzì – si stanno facendo sentire nei centri più piccoli dove la popolazione, mediamente anziana e poco scolarizzata, non è in grado di usare lo smarphone per operazioni di questo tipo, e sta già pensando di ricominciare a tenere i risparmi dentro casa». Questa strategia per abbassare i costi sembra non tenere conto dei problemi di ordine pubblico che potrebbero venire a crearsi.

«La cessione del Credito su pegno agli austriaci getta ombre sul futuro di una sessantina di lavoratori del comparto. In pratica – aggiunge il sindacalista – del banco di Sicilia ci hanno lasciato solo le insegne». Dal primo gennaio, infatti, dovrebbero uscire circa 170 lavoratori da tutta l’Isola, una parte dei 351 che hanno già aderito all’esodo anticipato siglato con l’accordo dello scorso febbraio, mentre Unicredit continua a effettuare assunzioni al Centro-Nord. «Nonostante la situazione che si è venuta creare, l’azienda non si sta preoccupando di effettuare un turn over con una parte delle 1300 assunzioni previste dal piano industriale né – conclude Urzì – della conseguente perdita di professionalità». 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]