Aveva venduto i terreni a Fassa Bortolo per la cava Sequestrati beni per un milione al mafioso Pecorino

Un affare da 25 milioni con una promessa di cento posti di lavoro era saltato anche per causa sua. Adesso Giuseppe Pecorino, 78 anni, già condannato per associazione mafiosa, viene colpito da un sequestro di beni per un valore di 1 milione e 70mila euro. Al centro delle indagini della Guardia di Finanza di Caltanissetta, coordinata dalla locale Direzione distrettuale antimafia, c’è la vendita di alcuni terreni in territorio di Agira, provincia di Enna, da parte di Pecorino alla società venetaFassa Bortolo, a cui i militari non contestano alcun reato. La multinazionale leader nel settore dei prodotti per l’edilizia avrebbe voluto aprire nel cuore della Sicilia una cava per l’estrazione di calcare, e realizzare nello stesso luogo uno stabilimento per la trasformazione del minerale in prodotti industriali.

Secondo le indagini delle fiamme gialle, per eludere i successivi controlli patrimoniali e gli eventuali sequestri, Pecorino avrebbe donato al figlio Biagio i terreni che poi avrebbero dovuto essere oggetto di compravendita con Fassa Bortolo. Terreni che poi sarebbero rientrati in suo possesso solo qualche giorno prima della stipula del contratto con la società. E ancora il 78enne avrebbe venduto altri terreni al figlio, stavolta con un contratto che attestava un pagamento di 450mila euro che, invece, non sarebbe mai stato incassato. «Un ulteriore elemento – sottolineano i finanzieri guidati dal maggiore Salvatore Seddio – che acclara ancora una volta come queste operazioni abbiano carattere fittizio, tese ad alienare solo dal punto di vista formale i beni di Pecorino e finalizzate a evitare i successivi sequestri patrimoniali che, a seguito della sua condanna per mafia, appaiono inevitabili».

Pecorino padre e figlio sono quindi indagati per intestazione fittizia di beni. Al più anziano viene contestata anche l’aggravante mafiosa. L’uomo infatti, viene ritenuto dagli investigatori ancora organico a Cosa Nostra ennese, in particolare al gruppo di Catenanuova. La sua storia criminale è lunga: nel 1995 viene raccomandato da Luigi Ilardo, cugino del boss Giuseppe Madonia, come possibile capo provinciale. Il suo spessore criminale viene meglio definito nel 2011 nell’ambito dell’operazione Fiumevecchio, da cui è emerso come figura di spicco della criminalità organizzata della provincia; dalle intercettazioni che portarono alla sentenza di condanna si evince anche il suo stretto e costante collegamento con la famiglia Santapaola di Catania.

Le indagini che hanno portato al sequestro sono nate da un’attività di monitoraggio sul settore delle cave che i finanzieri eseguono periodicamente, visto il rischio di infiltrazioni mafiose in un settore particolarmente sensibile. Ad attirare l’attenzione su Pecorino sono stati i vari passaggi di proprietà dei beni di contrada Santa Nicolella, peraltro non comunicati alla Guardia di finanza, prescrizione che invece è obbligatoria per i condannati per reati di criminalità organizzata. Oltre ai terreni, sono state sequestrate somme per 620mila euro. Si tratta del valore dei terreni venduti a Fassa Bortolo. «Essendo quelle aree oggi di proprietà della società veneta – spiega il maggiore Seddio che ha condotto le indagini – e non avendo elementi per sostenere che l’impresa sapesse con chi aveva trattato la vendita, non abbiamo sequestrato i terreni ma disponibilità finanziarie e altri beni per un valore equivalente».

La presenza di Giuseppe Pecorino tra i venditori è uno degli elementi principali che ha portato a far sfumare l’affare. Prima dell’intervento della Guardia di finanza, infatti, il distretto minerario di Caltanissetta aveva ritirato l’autorizzazione inizialmente concessa, sostenendo il venir meno del rispetto del Protocollo di integrità. Fassa Bortolo ha sempre sostenuto di non essere stata a conoscenza del profilo dell’acquirente, «altrimenti ci saremmo sicuramente fermati prima», hanno precisato dalla società che invece solleva perplessità sugli enti che avrebbero dovuto vigilare su questi aspetti. Il progetto aveva comunque ricevuto uno stop dalla Soprintendenza ai Beni culturali di Enna, perché la cava si trova all’interno dell’area di Monte Scalpello, sito di interesse storico-archeologico. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]