Augusta, Cozzo nega la telefonata con Gemelli «Fango, non ho mai parlato di Lucia Borsellino»

«La Borsellino andrebbe eliminata? Mai sentita questa frase». A smentire i contenuti dell’intercettazione finita all’interno dell’inchiesta della procura di Potenza, sul presunto sistema di potere che ruota attorno al petrolio lucano e alla figura dell’imprenditore Gianluca Gemelli, è il commissario dell’Autorità portuale di Augusta, Alberto Cozzo. Ovvero la persona con cui Gemelli avrebbe commentato al telefono l’interrogazione parlamentare del vicepresidente della commissione Antimafia, Claudio Fava, nella quale si chiedevano al ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, chiarimenti su lavori realizzati nel porto siracusano. 

Stando alle carte dei magistrati, Gemelli, che a Siracusa è presidente della Camera di commercio, avrebbe spinto verso la riconferma di Cozzo con l’obiettivo di ottenere vantaggi per le proprie attività. Un modus operandi che avrebbe contraddistinto Gemelli anche nel rapporto con l’ex compagna Federica Guidi, la ministra per lo Sviluppo economico del governo Renzi, che si è dimessa all’indomani dello scandalo. 

Tra le frasi intercettate dagli inquirenti ce ne sarebbe anche una in cui Gemelli, parlando con Cozzo, attaccherebbe pesantemente «tutti questi dell’antimafia», gente che, a suo dire, «andrebbe eliminata». Compresa Lucia Borsellino, l’ex assessora regionale alla Sanità che sarebbe stata il soggetto di una conversazione telefonica tra il presidente della Regione, Rosario Crocetta, e il medico di fiducia Matteo Tutino. Intercettazione la cui esistenza è stata smentita dalla procura di Palermo e che ha portato alla richiesta di rinvio a giudizio per due giornalisti del settimanale L’Espresso. È proprio a questa vicenda che Cozzo fa riferimento quando gli si chiede della telefonata con Gemelli: «Quella frase non ricordo di averla mai sentita – fa sapere a MeridioNews tramite il legale Dario Pastore -. Si tratta di concetti che non hanno nulla a che vedere con i miei principi e a cui mi sono sempre opposto con la mia attività quotidiana».

Cozzo non nega di aver parlato più volte con Gemelli, ma questo per vicende legate alla prossima nomina del presidente dell’Autorità portuale di Augusta. Scelta che, essendo di natura politica, necessita anche di essere caldeggiata: «A proporre al ministero i nomi dei papabili sono i Comuni di Melilli, Priolo e Augusta – continua – ma anche l’ex Provincia e la Camera di commercio. Quindi avere a che fare con Gemelli è stata una cosa naturale». Nulla però a che vedere, secondo Cozzo, con lo scambio di favori: «Durante l’esperienza da commissario – prosegue l’avvocato Pastore – Cozzo non ha mai avuto rapporti professionali con l’impresa di Gemelli. Nessuna gara, nessun affidamento. L’attività alla guida dell’Autorità portuale è stata trasparente e può essere benissimo rintracciata sul sito dell’ente. E questo – aggiunge – nonostante diversi politici abbiano pressato per avere nuove assunzioni, senza trovare in Cozzo alcuna risposta». E a proposito dei lavori citati da Fava sarebbero «antecedenti alla nomina a commissario».

Cozzo smentisce poi di aver saputo – come denunciato dal parlamentare ieri a MeridioNews – dell’interrogazione grazie a corsie preferenziali provenienti dal ministero. «Lo avrà fatto in buona fede ma ha detto una cosa falsa – commenta il legale -. Cozzo seppe di quella interrogazione perché una giornalista del Giornale di Sicilia lo contattò per chiedergli un parere. A riprova di come quel documento fosse tutt’altro che segreto». Un’ultima battuta, infine, sulle parole di Delrio, che ieri ha dichiarato di non aver mai ritenuto Cozzo «così bravo»: «Fa strano che il ministro oggi dica questo mentre un anno fa – replica – in più di un’intervista ne sottolineò le qualità. Cui prodest questo fango?», conclude Cozzo tramite il legale.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]