Asili nido, il flop del bando da due miliardi per costruirne di nuovi «Poca comunicazione». Assessore Scavone: «Sicilia non è pronta»

«Un sindaco di un Comune del Catanese, a cui avevamo dato trecento milioni durante l’emergenza per la cenere vulcanica dell’Etna, mi mandava la foto della cenere vulcanica e mi chiedeva come spenderli». Il peccato senza peccatore lo racconta Antonio Scavone, assessore alle Politiche sociali a Direttora D’Aria, in onda su Sestarete e Radio Fantastica. L’aneddoto torna utile per spiegare l’ennesimo flop nella corsa ai fondi del Pnrr. La questione, stavolta, riguarda il bando destinato alla costruzione di nuovi asili nido. Un obiettivo per il quale il Piano nazionale di ripresa e resilienza aveva previsto oltre due miliardi e quattrocento milioni di euro. Il verbo al passato è d’obbligo se si considera che a presentare la domanda sono stati veramente in pochi e che oltre la metà dei fondi disponibili è rimasta sul piatto

Complici le difficoltà burocratiche, le diversità strutturali delle Regioni, la tanta confusione sull’attribuzione delle competenze e la circostanza per cui il bando destina i fondi esclusivamente alla costruzione degli edifici scolastici senza aiuti concreti nella gestione e organizzazione, al Sud sono state davvero poche le domande presentate. Un’altra occasione sprecata, dunque, che vede la Sicilia sul podio dei non richiedenti, seconda solo alla Campania. Il flop, in realtà, riguarda tutta Italia, anche se con le dovute eccezioni. Come la Regione Puglia che, addirittura, ha presentato più richieste di quelle presentabili. E così restano inutilizzati più della metà dei fondi disponibili. Per questo il termine per presentare la domanda, originariamente fissato al 28 febbraio, è stato prorogato al 31 marzo. L’Isola, con circa cinquanta asili pubblici con cui riesce a coprire solo il 10 per cento dei bambini siciliani dai tre mesi ai tre anni – percentuale che si riduce al 6 per cento con riferimento ai soli asili comunali -, si posiziona tra gli Enti locali che ha prodotto meno richieste. Un paradosso che si manifesta nel mancato raggiungimento della soglia obbligatoria fissata dai Livelli essenziali di prestazione (Lep) che invece obbligano a coprire il 33 per cento di bambini accoglibili. In soldoni mancano circa 30mila posti. 

«La Sicilia si trova in una situazione molto complicata da prima che si parlasse del Pnrr – sostiene ai microfoni di Radio Fantastica e Sestarete il vicepresidente Fism Orazio Platania -, la necessità di creare nuovi posti tiene banco da parecchio tempo». Per Cgil i fondi ci sarebbero a prescindere dal recovery plan. «Già da un pezzo sono disponibili i fondi derivanti dal sistema integrato della legge Buona scuola, ma non si sono mai utilizzati – continua Platania -. I comuni non riescono a programmare e utilizzare i fondi». Tuttavia permane la difficoltà di sfruttare ciò che è già esistente: dalle strutture fino al personale. «I comuni di solito si trincerano sul fatto che non hanno soldi, in realtà ci sono ma vengono spesi male – conclude Platania -, anche se come si perdono rimarrà sempre un mistero».

Non sembra però essere tutta colpa dei Comuni. «Il fatto che ci siano le risorse non significa automaticamente che ci siano i soldi – spiega in trasmissione Gabriella Messina di Cgil -, lo stanziamento delle risorse è condizione necessaria ma da sola non è sufficiente. Peraltro, continua la sindacalista, «nel bando non si tiene conto dell’attuale panorama edilizio delle difficoltà tecniche e progettuali dei Comuni, c’è bisogno di un indirizzo politico decisivo, attento a ridurre i divari con attenzione particolare a come fare arrivare le risorse al sud». Ci sarebbero, però, anche delle soluzioni al cui raggiungimento si potrebbe arrivare con la collaborazione di altri soggetti. «Adesso esiste il terzo settore – prosegue la sindacalista -, le scuole potrebbero beneficiare delle convenzioni con le associazioni e utilizzare lo strumento della convenzione che è già in voga in tantissime realtà del Nord». Al netto delle soluzioni, permane la comunicazione tra enti locali e Regione. «Già da tempo chiediamo una cabina di regia, ma non c’è il tavolo e nemmeno le parti sociali – conclude – Il Pnrr è importante ma, proprio perché la procedura è lunga, ha bisogno di un’attenzione differente».

«I Comuni non hanno progetti pronti – replica in trasmissione l’assessore alle Politiche sociali e del Lavoro Antonio Scavone – il Pnrr punta sui progetti pronti, e le governance non si possono inventare». Scavone concorda, almeno su una questione, con i sindacati. «Bisognerebbe conoscere le realtà territoriali per immaginare bandi del genere – afferma l’assessore -, la Sicilia non è pronta». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]