Asili nido aziendali: conciliare lavoro e ruolo di genitore Palermo è capofila dei pochi esperimenti fatti in Sicilia

Una Sicilia un po’ più moderna, almeno sulle possibilità di conciliare lavoro e famiglia. Si tratta degli asili nido aziendali che permettono di dare un po’ di respiro alle tante mamme e ai tanti papà lavoratori, rendendo più semplice coniugare le esigenze lavorative con l’attenzione per i figli. In quello che si configura come un grande incentivo al lavoro femminile, ma non solo. Ai microfoni di Radio Fantastica e in onda su Sestarete, durante la trasmissione Direttora D’Aria è stato fatto il punto sugli asili nido aziendali in Sicilia. Dal nuovo baby parking a Palermo, passando dall’Università dei piccoli convenzionata con Unipa, fino agli asili all’interno dei locali dei tribunali di Marsala e Siracusa. Un argomento che non è da sottovalutare se si considera che da gennaio sarebbero dovuti scattare i Livelli essenziali di prestazione (Lep) che avrebbero dovuto prevedere l’implementazione degli asili anche nell’Isola, che registra il record negativo per carenza di posti disponibili: seconda in classifica con una carenza di circa 31mila posti. 

A detenere il record positivo è però Palermo. Il tribunale, per iniziativa dell’Ordine professionale degli avvocati, ha individuato un baby parking che sarà attivo da questo lunedì dalle 9 alle 13, per i bambini – dai neonati fino ai 6 anni – utilizzabile tramite prenotazione su Whatsapp, fino al limite di 30 bambini al giorno. Tutto totalmente gratuito. «Il confronto con l’intera categoria ci ha permesso di renderci conto di alcune difficoltà per molti colleghi – ha spiegato il presidente dell’Ordine degli avvocati di Palermo Antonello Armetta – ci sono avvocati che spesso sono costretti a lasciare da soli i propri figli perché magari hanno udienza fuori sede, o per ragioni economiche non possono permettersi un asilo nido, da lunedì potranno usufruire di un servizio che paghiamo noi». 

Palermo non è nuova a questo genere di iniziative. Anche l’azienda sanitaria provinciale mette a disposizione del proprio personale una struttura dedicata ai più piccoli. Così come una nota azienda di telefonia è stata la prima, proprio nel capoluogo, a implementare un servizio dedicato ai propri dipendenti che permette di conciliare lavoro e famiglia. «Abbiamo provato a realizzarlo all’interno dei locali del tribunale come fatto a Marsala e a Siracusa – ha precisato Armetta  – ma servivano degli spazi adeguati e siamo stati costretti a ripiegare su una struttura convenzionata». In quello che, per il momento rimane un progetto pilota con soli 30 posti disponibili. «Più avanti potremmo modificare, speriamo in aumento, la disponibilità. Un investimento per il futuro – lo ha definito il presidente dell’Ordine – attuato con un avanzo di gestione che ritorna in termini di benessere e di consapevolezza del rapporto tra ordine e iscritti. Un gesto che serve ai colleghi per comprendere che c’è qualcuno che sta al loro fianco. E che, sono sicuro – ha concluso – farebbero tutti gli ordini professionali se avessero le risorse». 

Oltre ai comparti giustizia e sanità, anche quello dell’istruzione sembra rimanere al passo coi tempi. L’Università dei piccoli, il servizio dedicato al personale docente e amministrativo di Unipa, nonché anche ad assegnisti e ricercatori, esiste da diversi anni e, dal 2012, è gestito dalla cooperativa Liberamente. «Da qualche anno abbiamo aperto anche al territorio – ha spiegato in trasmissione Maria Rita Radicelli, presidente di LiberaMente – perché, a seguito della carenza di strutture idonee, abbiamo molte richieste». Il servizio copre gli orari lavorativi del personale fino alle 17.30 per quella che Radicelli definisce «una grandissima opportunità anche per le mamme in allattamento, con appositi spazi dedicati». Come mai, allora, in Sicilia si registrano ancora poche iniziative del genere? «A Palermo siamo ancora troppo pochi – ammette Radicelli – ed è un peccato che la nostra Regione non lo sfrutti. Noi ci stiamo attivando anche per un servizio vicino agli ospedali, per essere usufruibile anche da medici e infermieri». Esperimenti, alcuni ormai consolidati, per aiutare i genitori nella vita quotidiana. Dando una mano laddove il pubblico è decisamente carente.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]