Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scuola, Tar annulla ordinanza di De Luca sulla chiusura
«Non spetta ai Comuni». Ora si attende effetto domino

Il tribunale amministrativo regionale ha sospeso il provvedimento con cui il primo cittadino di Messina aveva rinviato la ripresa delle attività didattiche in presenza al 23 gennaio. Sono stati molti sindaci dell'Isola ad adottare misure simili. I dettagli del decreto

Simone Olivelli

Foto di: Wokandapix

Foto di: Wokandapix

«Da domani scuole aperte. Ma io non entro». Che sia o meno un invito a disertare le lezioni in presenza, Cateno De Luca reagisce così alla notizia della sospensione dell'ordinanza con cui aveva disposto la didattica a distanza dal 13 al 23 gennaio nelle scuole della città. Alla base del provvedimento la situazione epidemiologica in Sicilia e le carenze nell'organizzazione della ripresa delle attività didattiche dopo la pausa natalizia. «I legali di tre famiglie messinesi hanno ottenuto la sospensione della nostra ordinanza di chiusura delle scuole. La forma prevale sulla sostanza», ha scritto il primo cittadino su Facebook. A pronunciarsi è stato il Tar di Catania che ha accolto la richiesta di alcuni genitori. Alla base della decisione dei giudici amministrativi c'è una questione di competenza: non sta ai singoli sindaci decidere se ci siano o meno le condizioni per la ripresa delle lezioni in presenza. 

«La fattispecie in esame è già normata a livello nazionale con disposizioni di rango primario - si legge nell'ordinanza del Tar - Non residua, quindi, spazio per ulteriori interventi contingibili e urgenti, avendo il legislatore nazionale, nell’esercizio della propria discrezionalità, previsto, nell’ambito del sistema scolastico, l’adozione delle misure contemplate nella norma indicata. Non è, quindi, possibile una chiusura generalizzata delle scuole, dovendo intervenirsi in modo puntuale e specifico in relazione a ogni singola classe», proseguono i giudici richiamando l'articolo 4 del decreto legge approvato a inizio anno dal Consiglio dei ministri. Nel provvedimento si fa riferimento anche all'indice di contagio che a Messina risulta inferiore a quello riscontrato in altre regioni italiane. A rendere illegittima l'ordinanza è anche lo stato di zona gialla, mentre soltanto la zona rossa potrebbe consentire deroghe. 

Quella riguardante la chiusura delle scuole non è la prima ordinanza firmata da De Luca dall'inizio della pandemia che viene cassata dalla giustizia amministrativa per mancanza di competenza. In questo caso il verdetto, che allo stato interessa soltanto il Comune di Messina, potrebbe presto estendersi anche a buona parte dei Comuni siciliani. Sono stati, infatti, tantissimi i sindaci che - sostenuti anche dall'Anci, l'associazione che raccoglie gli enti locali - hanno adottato di propria sponte provvedimenti di chiusura fino al 15 gennaio. Iniziative scaturite dal convincimento che non ci fossero le garanzie per una ripresa sicura.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×