Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vitalizi, l'Assemblea approva la norma della discordia
Tagli dal 9 al 19 per cento, Figuccia unico voto contro

Dopo un lungo dibattito sul ddl, in serata arriva l'accordo su un emendamento presentato da Diventerà Bellissima: tagli lineari del 9,25 per cento ai quali si aggiungeranno 5 punti dai 32 ai 62 mila euro e 10 punti oltre i 62 mila euro

Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Alla fine l’unico voto contrario è stato quello di Vincenzo Figuccia. L’Ars ha approvato questa sera con 38 voti favorevoli e un contrario (i deputati del Movimento 5 stelle non hanno partecipato alla votazione) la legge sul taglio dei vitalizi. Una sforbiciata che si limita circa al 9 per cento degli assegni agli ex deputati o alle loro famiglie, per un risparmio di circa 1,6 milioni su un costo complessivo di circa 18 milioni.

La seduta si era aperta nel pomeriggio con un minuto di silenzio per ricordare le vittime dell'esplosione nella fabbrica di fuochi d'artificio a Barcellona Pozzo di Gotto, costata la vita a cinque persone.

Dopo una breve sospensione, il pomeriggio è stato scandito dal lungo dibattito d’Aula, in cui appariva evidente che ogni tentativo di accordo coi cinquestelle, contrari al testo esitato dalla commissione speciale, fosse saltato. Alla ripresa dei lavori, infatti, il capogruppo pentastellato Francesco Cappello ha ritirato la richiesta di rinvio in commissione del testo, per cui Miccichè ha aperto la discussione generale.

In serata, infine, il colpo di scena: l’accordo è stato trovato su un emendamento di riscrittura proposto da Diventerà Bellissima, che ha introdotto ulteriori tagli in base all’ammontare del vitalizio. La versione approvata dall’Aula sancisce un taglio lineare del 9,25 per cento, con una ulteriore riduzione del 5 per cento che si applicherà per gli assegni da 32 a 62 mila euro annui e del 10 per cento per quelli oltre i 62 mila euro. I tagli entrano in vigore dall'1 dicembre di quest'anno e saranno applicati per un quinquennio.

Trentotto, appunto, i voti favorevoli, due gli astenuti (Claudio Fava e Francesco De Domenico) e il solo voto contrario di Vincenzo Figuccia (Udc). I cinquestelle, invece, hanno staccato i cartellini, non prendendo parte al voto. «La classe politica continua a resistere al taglio dei privilegi», ha detto il capogruppo Cappello, secondo cui oggi «si è toccata una delle pagine più buie della storia di questa Regione».

Furibondo l’unico ad avere votato contro, il deputato Udc Vincendo Figuccia. «Come volevasi dimostrare - accusa - alla fine anche il Movimento 5 Stelle getta la maschera e con una trasversalità che va da Miccichè alla maggioranza fino all'ultimo degli uomini dell'opposizione, tra astensioni e voti favorevoli, il disegno di legge sul taglio dei vitalizi passa con un misero taglio del 9 per cento, modificato con piccoli stratagemmi. La posizione di Miccichè era nota a tutti: per difendere i vitalizi di pochi si sacrifica il bene di tutti. Ai cinquestelle dico che auspico che la determinazione della commissione Regolamenti che ha previsto l'ingresso di un loro deputato a sostituzione del viceministro Cancelleri sia - conclude Figuccia - soltanto una coincidenza».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews