Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caos maggioranza, l'ira di Musumeci contro Micciché
«Scinda il ruolo di presidente dal capo di Forza Italia»

La lunga replica di Musumeci al termine del dibattito d'Aula sancisce la frattura col primo inquilino di sala d'Ercole. «Posso permettermi di parlare così - dice - perché sono irricattabile». «Non sono ricattabile neanche io» la replica di Micciché

Miriam Di Peri

«Non pensate che la mia pazienza nell’ascoltare anche chi non meriterebbe di essere ascoltato sia un atto di debolezza, ma ho il dovere di dire che se c’è una cosa che non farò è quella di far sognare i siciliani, scordatevelo». È un Nello Musumeci furibondo, quello che replica quasi a ciascuno dei deputati intervenuti nel corso della lunga seduta dedicata a far chiarezza sulla situazione finanziaria della Regione.

«Basta! - urla a una Sala d'Ercole attonita - sono 30 anni che fate sognare i siciliani. Si sono svegliati, non hanno bisogno di un presidente che li faccia ridere, hanno bisogno di un presidente capace di affrontare un calvario preparato da altri. Io posso dire che consegnerò a chi verrà dopo, se altri verranno dopo, una Regione diversa da quella che ho trovato».

Musumeci bacchetta gli oppositori politici, ma non sono loro l'obiettivo della sua lunga arringa, bensì il fuoco amico: «In quest'Aula - dice, in modo da non lasciare adito ad alcun dubbio - mi aspetto un presidente che si sforzi di scindere il suo ruolo istituzionale di garante, da quello di coordinatore del maggiore partito di maggioranza. Non essendo ricattabile, posso permettermi di dire a chiunque quello che penso e posso permettermi la coerenza, una cosa che non si compra al supermercato». Una risposta dopo l'ennesima polemica, consumata questa volta sullo spinoso campo della demagogia e dei vitalizi. E che apre una frattura tra la presidenza dell'Assemblea e la presidenza della Regione che era nell'aria da tempo, ma che non era mai sfociata in uno scontro così aperto.

«Nessuno cerca alibi rivangando il passato - è il Musumeci pensiero - ma abbiamo bisogno di sapere da dove veniamo. Mi parlate dei giovani che partono? lo lo vivo sulla mia pelle, con un figliolo che è fuori. Mi parlate di povertà, di forestali, di precari? E io dove vivo, sulla luna? Questa terra per risolvere i suoi problemi forse avrà bisogno di 20 anni, ma abbiamo messo un punto. Lo stiamo facendo con serietà, senza utilizzare Facebook per mandare messaggi trasversali e mantenendo un rapporto di lealtà e di decoro con le altre istituzioni. Questa terra è in queste condizioni per la pratica del "ppi mia chi c’è?" (per me che c'è, ndr) è una pratica antica, è una tara antropologica. Ma il Parlamento no, è l’istituzione più alta merita rispetto, anche quando non se ne condividono i contenuti». Musumeci ha definito «indecoroso» lo spettacolo consumato a sala d'Ercole e si è detto «felice» del fatto che tutto sia stato ripreso in tv. «Voi credete - ha aggiunto - che i siciliani siano molto meno intelligenti di quello che sono». 

E rivolgendosi poi ai tanti che hanno lamentato l'assenza di dialogo, ha replicato approfittando per lanciare una nuova freccia nella frattura con Micciché: «Abbiamo bisogno di discutere di più - ha detto - ma gli assessori ci sono per questo. L'assessore Armao gode della mia più totale fiducia perché il presidente nazionale di Forza Italia ha dato, a sua volta, la propria fiducia e lo ha fatto quando mi ha chiesto di mettere in giunta la sua storia e la sua competenza. Non c’è un solo assessore che non goda della mia fiducia e quando arriverà, se arriverà, il rimpasto, il mio compito sarà quello di concordare i nuovi nomi con i coordinatori regionali dei partiti. Concordare, non subire. Al precedente governo che in due anni aveva già cambiato 22 assessori, contrappongo tre cambi, di cui uno per decesso e due per dimissioni».

«Noi stiamo iniziando un percorso di trasparenza - ha aggiunto ancora Musumeci - e nessuno è immune da errori, in quel disavanzo c’è la responsabilità anche del centrodestra, l'ho sempre detto. Ma smettetela coi pregiudizi, fuori da questo Palazzo la gente muore di fame e noi abbiamo il dovere di dare risposte. Concordiamole assieme - ha detto - facciamolo a cominciare dal disegno di legge sui rifiuti. Dalla prossima settimana avrò il piacere di incontrare tutti i capigruppo, e se si preferisce tutti i gruppi parlamentari: l’importante è che usciamo da questo vicolo cieco sui rifiuti. Chiederò all'assessore Pierobon di concordare un calendario di incontri, qui in Assemblea o a Palazzo d'Orleans. Non escludo - ha concluso - di risultare antipatico a qualcuno, mi sforzerò di essere più simpatico, sorridere di più, ma chi mi conosce sa che da parte mia non ci può essere superbia e arroganza».

Immediata (e secca) la replica di Micciché: «Presidente, sono irricattabile anche io, questo perché sia chiaro a tutti. Il mio compito è quello di garante. Normalmente la maggioranza si garantisce da sola, di norma il mio compito è più quello di garantire l'opposizione, che la maggioranza. Dopodiché, credo, fino ad oggi di avere garantito lo svolgimento imparziale di quest'Aula e continuerò a fare così. Ci sono state giornate in cui sono stato insultato dall'opposizione perché ho esagerato forse nell'aiuto alla maggioranza, ci sono giornate come questa in cui vengo, non dico insultato, ma ripreso da lei perché non favorirei la maggioranza. Il mio compito è di garantire l’Aula tutta. E, ripeto, di norma la maggioranza si garantisce da sola. La seduta è conclusa». E lo scontro è appena iniziato.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews