Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ars, la Lega espelle il suo unico deputato Tony Rizzotto
Messaggio a Musumeci. «Ora Sicilia pieno di transfughi»

Ieri l'adesione del parlamentare al gruppo guidato da Genovese. In una lunga lettera il commissario del Carroccio nell'Isola spiega le ragioni della scelta. «Da noi - dice - non c’è posto per deputati politicamente inconcludenti e inaffidabili»

Miriam Di Peri

Si scrive espulsione di un deputato, si legge presa di distanza da un progetto politico. La Lega in Sicilia torna a fare la voce grossa, nel probabile tentativo di ridimensionare lo spazio di manovra di Nello Musumeci nelle «praterie centriste» più volte evocate dal fondatore di Diventerà Bellissima.

Non sono passate neanche 24 ore dall'annuncio del deputato (ex) leghista, Tony Rizzotto, che ieri sera ha ufficializzato il passaggio al gruppo di Luigi Genovese, Ora Sicilia, nato con l'esplicito sostegno a Musumeci e col sogno nel cassetto di costruire un ponte tra la Lega e Diventerà Bellissima, complice anche l'apoggio in campagna elettorale per le europee di Genovese ad Angelo Attaguile. Una scelta che aveva fatto storcere il naso al commissario del Carroccio nell'Isola, Stefano Candiani. Ma sulla quale, di certo, non poteva proferire parola. Così come, ufficialmente, nulla poteva dire sulla scelta legittima di Rizzotto di sostenere Attaguile. I dissapori, però, erano nell'aria. Così come era nell'aria che alla Lega il nuovo gruppo parlamentare all'Assemblea Regionale non andasse a genio. Così, secondo i ben informati, l'occasione offerta da Rizzotto sarebbe stata troppo ghiotta per non coglierla al volo.

Espellere Rizzotto, con cui i rapporti erano incrinati da tempo. E mandare un messaggio a Musumeci e Ruggero Razza. Ad annunciare l'espulsione è stato lo stesso Rizzotto, mentre a motivare la scelta è intervenuto direttamente Candiani in una lettera ufficiale. «In considerazione della sostanziale inconsistenza dell’attività parlamentare svolta in rappresentanza della Lega Sicilia all’interno dell’Assemblea Regionale dall’inizio della legislatura – si legge nella nota – e in ragione della sua successiva adesione non autorizzata al gruppo regionale Ora Sicilia, risultando tali condotte incompatibili con l’appartenenza al partito Lega Salvini Sicilia».

Tony Rizzotto quindi non rappresenta più la Lega, né all’interno dell’Ars né in ogni altro contesto, perché secondo Candiani «Rizzotto ha gettato la maschera aderendo a un partito che ospita solo transfughi e che nulla può avere a che fare con la Lega. Ora Sicilia con Luigi Genovese è quanto di più lontano possa esserci dalla Lega Salvini Sicilia. In Sicilia stiamo lavorando per portare buonsenso e trasparenza, non ci servono amministratori con una storia politica segnata da tanti punti interrogativi o che cambiano casacca per meri tornaconti personali. La Lega non è interessata alle poltrone ma a programmi politici credibili, che rispondano alle esigenze del territorio, non ci servono politici opportunisti che in un anno e mezzo di legislatura hanno prodotto appena 15 atti. In questo percorso di rinnovamento della Lega Sicilia – conclude Candiani - non c’è posto per deputati politicamente inconcludenti e inaffidabili».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.