Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ex Province, un emendamento rinvia le elezioni
Opposizioni all'attacco: «È schizofrenia politica»

Nuovo blitz della maggioranza a Sala d'Ercole, dove con voto segreto è stato approvato un emendamento che rinvia di un anno le elezioni di secondo livello nei Liberi consorzi. Ma in Aula si stava discutendo un disegno di legge sui porti turistici

Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Si scrive Marina Resort, si legge ex Province. Nell'Ars che torna a riunirsi dopo la letargica pausa elettorale, succede anche questo. All'ordine del giorno della seduta d'Aula di questo pomeriggio era in discussione il disegno di legge sui porti turistici (proposto dal presidente della Commissione Lavoro, Luca Sammartino, e approvato in serata), ma a sorpresa è stato presentato un emendamento a firma dei deputati Danilo Lo Giudice, Eleonora Lo Curto, Antonio Catalfamo, Carmelo Pullara, Vincenzo Figuccia e Nicola D'Agostino per il rinvio delle elezioni di secondo livello nelle ex Province. 

L'emendamento, un testo scarno che rimanda al 2020 il voto di secondo livello per la governance degli Enti intermedi ormai al collasso, è stato approvato con voto segreto. La notizia è stata accolta con gioia dal sindaco di Messina, Cateno De Luca, secondo cui il rinvio del voto era stata una delle richieste avanzate dalla marcia dei sindaci. Secondo De Luca, «non aveva senso celebrare queste elezioni il 30 giugno, non essendo ancora stata risolta la Finanziaria. Ora pensiamo a risolvere la situazione economica, destinando alle ex Province siciliane 350 milioni di euro».

Ma se De Luca esulta per la notizia, ad andare su tutte le furie sono state invece le opposizioni.  Secondo Anthony Barbagallo (Pd), «quando eravamo già scesi in campo pronti a giocare la partita delle elezioni per gli organismi dei Liberi Consorzi e delle città Metropolitane gli abili manovratori del centrodestra siciliano hanno portato via la palla rinviando tutto di un anno». A intervenire anche il capogruppo Pd, Giuseppe Lupo e il deputato Antonello Cracolici, secondo cui «dopo una campagna elettorale per le Europee passata a promettere a sindaci e consiglieri un ruolo negli organismi di Liberi Consorzi e Città Metropolitane, ecco che il centrodestra getta la maschera e al primo voto invia le elezioni di un anno».

Anche secondo i 5 Stelle «il rinvio per l’elezione degli organi delle ex Province è l’ennesima prova della schizofrenia, soprattutto, dell’irresponsabilità della maggioranza sui cui si si regge l’esecutivo. Siamo alla farsa, con il Presidente della Regione e la sua maggioranza che procedono in direzione diametralmente opposta, e che, soprattutto, non tengono in nessuna considerazione la barca di soldi spesi per separare le elezioni amministrative dalle Europee proprio per consentire ai Comuni che andavano ad elezioni di poter partecipare alle elezioni per le ex Province».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×