Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Giunta Musumeci, Pappalardo va verso l'addio
Probabile il catanese Manlio Messina al suo posto

All'orizzonte un nuovo cambio in giunta, dopo quello più volte annunciato ma non ancora concretizzato tra gli autonomisti Mariella Ippolito e Antonio Scavone. Ma ancora una volta la new entry nell'esecutivo regionale potrebbe essere un catanese

Miriam Di Peri

Se Atene piange, Sparta non ride. Mentre il governo si trova a fare i conti con la difficile sessione di bilancio e con una Finanziaria che, giunta in Assemblea con appena 17 articoli, è lievitata fino a 57, ecco che le voci sul rimpasto tornano a rincorrersi. Toccando questa volta un alleato di Musumeci decisamente più silenzioso di altri, quel Fratelli d'Italia con cui Diventerà Bellissima potrebbe apparentarsi in un'unica lista alle Europee.

È proprio guardando alle Europee che in casa Meloni si starebbe valutando l'ipotesi di una candidatura (probabilmente di servizio) per l'attuale assessore regionale al Turismo Sandro Pappalardo. Voci che si rincorrono da giorni ma rispetto alle quali non arriva alcuna conferma ufficiale (ma neanche alcuna smentita).

Così si fa strada l'ipotesi di una «possibile turnazione», si limitano a dire dal gruppo all'Ars, nella rappresentanza del partito in giunta. E se l'uscita di Pappalardo dagli uffici di via Notarbartolo a Palermo appare cosa ormai molto prossima, è già partito il toto-nomi per la successione del colonnello. Esclusi categoricamente i tre componenti del gruppo parlamentare, a quanto filtra, Gaetano Galvagno, Antonio Catalfamo ed Elvira Amata, i successivi sarebbero i due coordinatori del partito in Sicilia, il catanese Manlio Messina e il palermitano Giampiero Cannella. Con la differenza che alle ultime elezioni politiche, Fratelli d'Italia in Sicilia ha puntato proprio su Cannella. Ed ecco che il cerchio si stringe attorno al nome di Messina.

Come si diceva, insomma, se Atene piange, Sparta non ride. Appena qualche settimana fa il commissario forzista nell'Isola, Gianfranco Micciché, lanciava ufficialmente la corsa al rimpasto al grido di «troppi catanesi in giunta, tutti i territori vanno rappresentati». Incassando a strettissimo giro la gelida replica del governatore, che si diceva «contento che Forza Italia fosse in linea con la sua proposta di rimpasto». Da fare, appunto, prima delle Europee. Adesso nuove indiscrezioni e nuovi nomi. Che ancora una volta provengono dalla Sicilia orientale. Con buona pace per chi chiede meno catanesi in giunta.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×