Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Castelmola, chiuso il belvedere dopo una grossa frana
Sindaco: «Consolidare costone con intervento urgente»

La strada sotto il centro abitato della collina a nord di Taormina stata interessata dalla caduta di grandi massi. «Siamo stati fortunati che non passassero auto», dice il primo cittadino Orlando Russo a MeridioNews. Guarda le foto 

Simona Arena

Il belvedere di Castelmola, in provincia di Messina, è interdetto alla popolazione. Lo ha disposto con un'ordinanza il sindaco, Orlando Russo, dopo la frana che si è verificata sotto il centro abitato della collina a nord di TaorminaGrossi sassi, probabilmente a causa del maltempo, sono precipitati sulla strada provinciale e sulla strada panoramica. «Siamo stati fortunati che non passassero auto quando si è verificata la frana - dice a MeridioNews il primo cittadino - Basta guardare i massi per comprendere cosa sarebbe potuto succedere».

Si tratta dell'unica via di accesso al paese che, al momento, non è isolato ma il rischio che venga interdetta la circolazione resta alto. «Si può raggiungere Castelmola perché abbiamo transennato i massi che sono caduti in strada - spiega il primo cittadino a MeridioNews - stiamo aspettando l’intervento di due operai cantonieri e a mezzanotte arriveranno gli agenti della polizia provinciale per regolare il traffico». 

A chiamare il sindaco è stato anche presidente delle Regione. «Il governatore Nello Musumeci si è messo subito a disposizione interessando l’ufficio per il dissesto idrogeologico - prosegue Russo - Per i lavori di consolidamento del costone sono stati stanziati da tempo 1,5 milioni di euro. Adesso confidiamo che venga messa da parte la burocrazia e che venga disposta la somma urgenza per intervenire». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×