Antimafia, Claudio Fava lascia la commissione  Su Ast: «Regione valuti come gestire partecipate»

«Una questione di rispetto istituzionale». Claudio Fava lascia la presidenza della commissione regionale Antimafia per dedicarsi alle primarie che si svolgeranno prossimamente per decidere il candidato alla presidenza della Regione in vista delle elezioni di ottobre. Al centro della riunione che si è tenuta oggi c’è la relazione sul caso che ha coinvolto l’azienda dei trasporti Ast lo scorso febbraio, con alcuni esponenti accusati di assunzioni pilotate e corruzione. La commissione ha sentito gli avvocati che avevano denunciato le presunte irregolarità e le condizioni di lavoro all’interno della ditta e sfociato nell’inchiesta. Sergio Lo Cascio e Giuseppe Terrano, che ancora sono a carico dell’azienda ma che oggi in audizione hanno confessato di essere «completamente isolati», nonostante il cambio di vertici. «Mi sarei aspettato almeno una convocazione per capire cosa è successo, quali fossero i problemi e un ringraziamento per quello che abbiamo fatto – spiega Terrano – Ma è normale che non mi passano più un foglio di carta e ci deve essere l’avvocata Salamone, un’inquisita, che gestisce l’ufficio? È una cosa normale? Non c’è stata una persona che ci ha ringraziato. Io ho paura, perché mi sento solo».

A Terrano fa eco Lo Cascio. «Noi vogliamo chiedere di essere distaccati per restare tranquilli – dichiara – Non lo siamo più lì. Succedono cose strane: l’ultima è accaduta nella pausa pranzo, quando, dopo avere timbrato mi sono accorto che il timbro d’uscita non c’era. Ho chiesto all’addetto di mettere per iscritto che io avevo già timbrato. Noi, onorevole – specifica Cascio rivolgendosi a Fava – Noi siamo gli sbirri. È inutile che ci giriamo attorno. Non posso più stare dentro quest’azienda in cui goni giorno devo stare seduto ad aspettare che chi è indagato mi dia i documenti per lavorare. Noi non abbiamo messo in cattiva luce l’azienda: abbiamo sollevato le criticità e fatto il nostro dovere lo abbiamo fatto per il bene dell’azienda, che c’è tanta gente onesta anche là dentro, ma che ha paura perché c’è un clima pesante. Quando due figli di magistrati non mi salutano, io dovrei spaccare i tavolini perché mi vergogno per loro».

Sull’inchiesta, la commissione ha prodotto una relazione in cui si afferma che «emergono fatti, comportamenti e omissioni che aggravano, purtroppo, il quadro proposto dalla magistratura. E che richiedono un ripensamento urgente e complessivo da parte della Regione siciliana, socio unico dell’Ast, nelle proprie funzioni di gestione e di controllo nei confronti della più importante partecipata regionale. L’indagine della Procura di Palermo – prosegue la relazione conclusiva – consegna alle valutazioni della politica una ricostruzione priva di rilievo penale ma, certo, estremamente allarmante». Fava, parlando della vicenda Ast pone l’attenzione sulle modalità di attenzione poste dalla Regione: «Valuti come gestire le partecipate – osserva – è abbastanza inconsueto il silenzio con cui si è accettato che l’Ast continuasse a essere una fabbrica del consenso e che i forti vulnus sul piano gestionale e organizzativo, denunciati da un audit interno, restassero lettera morta. Il cda di Ast è stato lasciato nella condizione di fare dell’azienda ciò che voleva». 

L’onorevole poi ha tirato le somme sull’attività svolta dalla commissione durante la sua presidenza, spiegando il suo «passo di lato» in vista della prossima esperienza per le primarie, che «arriva al termine del più bello e proficuo periodo della mia esperienza politica – ha affermato – con un lavoro straordinario fatto da tutta la Commissione e che si sintetizza con alcuni numeri: 12 relazioni, approvate sempre all’unanimità, oltre 600 audizioni, oltre 250mila pagine di atti acquisiti, due progetti di legge, quello sul codice etico e quello sui beni confiscati».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]