Anello, scatta la chiusura di piazza Castelnuovo «Rimossi gradualmente i cantieri da via Amari»

Scatta dal nove febbraio prossimo la chiusura di piazza Castelnuovo per consentire alla Tecnis di avviare i lavori dell’anello ferroviario e in particolare la realizzazione del tratto terminale della galleria sotterranea e della fermata Politeama. La cantierizzazione sarà graduale e avverrà in tre fasi. Infatti l’azienda ha assicurato al Comune la restituzione di determinate aree già occupate e in particolare quella di via Emerico Amari, invasa dai cantieri dai primi mesi del 2016. Un primo tratto verrà reso fruibile, secondo l’ordinanza, proprio entro dieci giorni, il secondo entro il 23 febbraio e il terzo entro il 29 marzo. Tra le altre cose a peggiorare ulteriormente il traffico nella zona per ora ci pensano anche i cantieri della fibra Open Fiber lungo via Libertà, nel tratto Notarbartolo-piazza Croci.

Quella del Comune è un’ordinanza di mediazione, da un lato l’azienda deve poter completare i lavori e quindi necessita della disponibilità delle aree per realizzare i cantieri, dall’altra parte invece c’è l’esigenza da parte del Comune di recuperare zone della città occupate da tempo che causano anche non pochi disagi ai cittadini e in particolare ai commercianti. «Faremo in modo di concedere le aree man mano che vengono rilasciate da Tecnis parti di via Amari – afferma l’assessore alle Rigenerazione urbanistica Emilio Arcuri -.  È chiaro che non si possono mettere a disposizione nuove zone della città se non c’è contestualmente il ripristino di ciò che era stato già occupato. Dall’azienda sono arrivate delle rassicurazioni in questo senso, vediamo come procede. Su via Emerico Amari i ritmi vanno in questa direzione. Un’ordinanza si può sempre revocare, ma non è questo il caso».  

La rimozione dei cantieri in piazza Castelnuovo, dopo quasi un anno, era avvenuta a marzo del 2017. I commercianti allora tirarono un sospiro di sollievo dopo diverse proteste portate avanti contro i disagi alla vivibilità del cuore pulsante di Palermo, tra le lamentele dovute al calo del fatturato per la sostanziale riduzione della presenza di cittadini nella zona ormai inghiottita dalle transenne. All’epoca però c’era anche chi era amareggiato dallo sgombero del cantiere, perché significava un prolungarsi dell’attesa per il completamento dell’anello ferroviario e quindi il venir meno dei vantaggi che avrebbe portato la realizzazione della fermata. Ora la zona sarà off limits, riporta l’ordinanza, fino al 31 gennaio del 2019 o «fino all’ultimazione dei lavori se precedente a questa data». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]