Al Centro Santa Chiara l’allestimento Voglio il mio mare «Ogni pezzo di legno ha la sua storia, il suo stato d’animo»

Un progetto sperimentale di design sociale e partecipato per conoscere l’altro e la diversità. Questo è lo spirito che anima la mostra Voglio il mio mare, allestita al Centro Santa Chiara di Palermo. In campo un grande team composto dal professore Angelo Pantina e dagli allievi del corso di Disegno Industriale dell’Università degli Studi di Palermo, con il contributo degli studenti con disabilità del Majorana di Palermo e dall’associazione palermitana SantErasmo Nautilus Onlus col suo presidente Santi Gatto.

Una sinergia che ha prodotto la realizzazione di manufatti con i materiali provenienti dall’imbarcazione egiziana Retag SZ-860, sequestrata dalla guardia di finanza di Mazara del Vallo nel settembre 2004 e da questa messa a disposizione, utilizzata per il trasporto dei migranti. L’esposizione abbraccia i manufatti autocostruiti dagli studenti universitari e da quelli del Majorana insieme ad alcuni oggetti realizzati dall’architetto Angelo Dolcemascolo.

 

«Inizialmente sono stato contattato dal presidente Gatto per realizzare alcuni gadget, ma poi ho pensato che invece di creare le solite targhe con i soliti materiali avrei potuto cercare qualcosa di diverso – racconta Dolcemascolo – e ho pensato al legno. Ne volevo però uno che avesse una sua storia e un suo significato, e quello che compone questo barcone ha una sua memoria. Soprattutto ogni tavola è testimone di molti stato d’animo, dalla sofferenza alla speranza. Così abbiamo iniziato questo cammino estendendo il progetto iniziale anche all’istituto del Disegno industriale, proponendogli di sposare questo tema all’interno del corso e in parallelo abbiamo deciso anche la destinazione finale di tutto ciò, la scelta di uno scopo molto più ampio. Il nostro obiettivo è infatti quello di destinare i fondi ricavati dalla vendita all’asta dei manufatti alla creazione di un’imbarcazione destinata alle escursioni giornaliere dei ragazzi disabili. L’imbarcazione è stata progettata dagli architetti Benedetto Inzerillo e Attilio Albeggiani, insieme all’ingegnere Giuseppe Sieli a titolo totalmente gratuito».

La produzione di questi oggetti di design è diventata complementare a uno scopo sociale che punta a far apprezzare l’altro e il contesto cittadino in cui si vive, rispettando anche l’ambiente. Nella realizzazione dei diversi manufatti è stato utilizzato il legno e all’uso di collanti artificiali e chiodi, presenti nei frammenti dei materiali, sono state sostituite le corde, come elemento di chiusura che, oltre a decorare i manufatti, sono volti alla salvaguardia dell’ambiente. «È la prima volta che partecipo a un’iniziativa di questo tipo, dedita al sociale – racconta Francesca Cicero, studentessa del corso di Disegno Industriale -, facendo un bilancio posso dire di essere soddisfatta. Si iniziava la giornata di affiancamento dei ragazzi molto presto, alle 8:30, e data la loro comprensibile difficoltà a spostarsi siamo stati noi a recarci all’istituto».

«Noi studenti universitari prima di iniziare ci siamo preparati al meglio per affrontare il tema del mare, studiando la tecnica dei nodi – racconta ancora -. Il nostro ruolo di tutor riguardava gruppi composti da dieci fino a quindici persone. Io seguivo un ragazzo disabile, che dialogava soltanto con la sua professoressa, aveva dei problemi relazionali, ma non mi sono arresa, ho insistito e poi siamo entrati in perfetta sintonia. Alla fine tutti insieme abbiamo realizzato diversi manufatti proprio con questo legno proveniente dalle barche della speranza. È stata un’esperienza emozionante e che rifarei, i ragazzi del Majorana sono stati fantastici e sono ragazzi anche con le loro difficoltà ci hanno donato tanto». La mostra, ad ingresso gratuito, rimarrà allestita sino al 2 novembre, giorno in cui anche alla presenza del sindaco di Palermo Leoluca Orlando si svolgerà l’asta di beneficenza per la realizzazione dell’imbarcazione. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Una mostra speciale, che espone oggetti realizzati con il legno di un barcone egiziano usato dai migranti per il loro viaggio fino in Europa. La loro vendita all'asta servirà per la costruzione di un’imbarcazione per disabili. L'architetto Dolcemascolo: «Ho cercato di realizzare qualcosa di diverso dalle solite targhe fatte coi soliti materiali»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]