Aeroporto di Comiso, pronto e mai aperto «Colpa di Catania, che teme la concorrenza»

A 5 anni dall’inaugurazione, l’aeroporto di Comiso è ancora chiuso. E’ la tipica storia italiana – fai qualche analisi d’impatto, prendi un’infrastruttura richiesta dal territorio, con fatica superi le lungaggini burocratiche, possibilmente si lucra qualche finanziamento europeo (20 milioni in questo caso) e finalmente si procedere all’inaugurazione, il giorno tanto desiderato da tutti, specie dai politici.

In questo caso, era il 2007 quando un D’Alema sorridente annunciava l’apertura di un’opera strategica: la provincia di Ragusa ha il PIL pro capite più alto della Sicilia, una zona industriosa, con una fiorente industria agroalimentare e un turismo molto sviluppato, nonostante l’assenza di qualsivoglia forma di collegamento: ad oggi non c’è un’autostrada (si ferma a Siracusa), una ferrovia (ci vogliono 7 ore dal capoluogo, Palermo) né, per l’appunto, un aeroporto.

Anzi, l’aeroporto c’è, è pronto, da 5 anni, ma sembra che Enac, ente di vigilanza dell’aviazione civile, ed Enav, ente che regola il traffico aereo, non si mettano d’accordo su chi deve pagare i controllori di volo. Avete capito bene: 40 milioni di soldi pubblici per costruire un aeroporto, e pare che il problema siano gli stipendi dei controllori di volo (prima ancora c’era problema costi dei VV.FF. ma sembra che questo sia stato superato).

E adesso il nuovo piano aeroporti del Ministro dei Trasporti non prevede di dare un grande futuro all’aeroporto che esiste, ma non funziona.

Nella Regione e nello Stato delle migliaia di aziende pubbliche e dei milioni di stipendi, la cosa assume il sapore della farsa. Ed infatti, occhi smaliziati sottolineano la volontà da parte della SAC, società che gestisce l’aeroporto di Catania (il primo dell’Isola e fra i più importanti d’Italia), come concorrente agguerrito di Comiso: una storia di campanilismo provinciale dunque – Catania ha paura che la piccola Comiso gli rubi traffico aereo, e quindi, tramite la sua quota nella società che controlla lo scalo di Comiso (la SOACO), ostacola l’apertura.

Non siamo come nel caso dell’aeroporto di Salerno di fronte ad un caso in cui gli aeroplani di una certa grandezza non possono atterrare. Anzi, diverse compagnie low cost si sono dette interessate ad investire nello scalo per sviluppare il traffico dei turisti verso la Sicilia. E proprio da un altro caso siciliano, i catanesi potrebbero imparare. Basta spostarsi di qualche centinaio di chilometro a nord-ovest e guardare all’esperienza dell’aeroporto di Trapani: piccolo aeroporto militare, da quando è diventata base di Ryanair nella sicilia occidentale, cresciuto a tassi mostruosi, Trapani non ostacola il vicino aeroporto di Palermo, poiché posizionato su due segmenti di mercato differenti. Anzi, quando Trapani fu chiuso per favorire le operazioni militari in Libia, il traffico fu deviato su Palermo, che vide un extragettito, mandando così alle ortiche qualsiasi idea di cannibalizzazione. Oggi i trapanesi girano il mondo, e il mondo gira la provincia di Trapani, grazie all’aeroporto gestito da Ryanair, con grande apprezzamento del tessuto economico locale che infatti insiste per chiusura base militare.

La chiusura di Windjet apre inoltre spazi enormi ai concorrenti. La compagnia siciliana aveva la propria base operativa nello scalo catanese e adesso che non opera più a causa delle difficoltà economiche, vi sarebbe ancora maggiore spazio per l’aeroporto di Comiso.

Continua a leggere l’articolo di Andrea Giuricin e Luciano Lavecchia su Chicago-blog.it

[Foto di Glass of Leng]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dopo la crisi Wind Jet e l'annunciata chiusura per 30 giorni dell'aeroporto etneo, si torna a parlare del piccolo scalo ragusano, costato «40 milioni di soldi pubblici», pronto da cinque anni ma mai aperto al traffico aereo. Un'odissea fatta di strategie politiche e problemi burocratici. Ma la causa, secondo Andrea Giuricin e Luciano Lavecchia su Chicago-blog.it, sarebbe un'altra: «La Sac ha paura che Comiso gli rubi traffico aereo e quindi ne ostacola l’apertura» - Intervista ad Andrea Giuricin. Wind Jet, l’esperto: «Era destinata a fallire»

Dopo la crisi Wind Jet e l'annunciata chiusura per 30 giorni dell'aeroporto etneo, si torna a parlare del piccolo scalo ragusano, costato «40 milioni di soldi pubblici», pronto da cinque anni ma mai aperto al traffico aereo. Un'odissea fatta di strategie politiche e problemi burocratici. Ma la causa, secondo Andrea Giuricin e Luciano Lavecchia su Chicago-blog.it, sarebbe un'altra: «La Sac ha paura che Comiso gli rubi traffico aereo e quindi ne ostacola l’apertura» - Intervista ad Andrea Giuricin. Wind Jet, l’esperto: «Era destinata a fallire»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]