Aeroporto Comiso: Regione trova 2,5 milioni per Enav L’esperto: «Serve solo ai politici per gonfiarsi il petto»

Non c’erano soldi a sufficienza per l’aeroporto di Comiso. E non solo. Era questa la posizione del governo regionale attraverso l’assessore all’economia Alessandro Baccei, espressa in apertura della seduta dell’Assemblea Regionale Siciliana per approvare il documento finanziario. Mancavano venti milioni di euro, in totale, per la copertura di diversi servizi. Di questi, due milioni e mezzo circa destinati allo scalo Magliocco per il pagamento del servizio di assistenza al volo – gli uomini-radar, i tecnici della torre di controllo – all’Enav (Ente Nazionale Assistenza al Volo), società per azioni controllata dal ministero dell’Economia. Che alla fine sono stati trovati. 

È stata accesa bagarre in aula. I parlamentari iblei si sono opposti immediatamente alla soppressione della voce di bilancio. Giuseppe Di Giacomo, ex sindaco di Comiso, deputato del Partito Democratico, inveiva sui social network: «Non si può ancora tirare a campare e giocare sulla pelle di un aeroporto», e divideva con nettezza meriti e colpe: «Finora ognuno ha fatto la propria parte: il Comune, la regione, la gestione commissariale della provincia. Al contrario della società e del governo nazionale». Il collega dell’opposizione, Giorgio Assenza (gruppo di Forza Italia) usava metafore ancora più drammatiche per la «felice realtà» dell’aeroporto: «Non si uccida nella culla una creatura viva e vitale per un’ampia parte dell’Isola di Sicilia». Venivano così presentati diversi emendamenti al testo di legge, nella lunga maratona assembleare per l’approvazione.

La So.a.Co. (Società Aeroporto di Comiso) intanto interveniva rispedendo al mittente l’accusa di «insipienza». «Ci chiediamo che cosa dovrebbe mai fare la società di gestione rispetto al tema dei controllori di volo. Un tema che, è palese, riguarda in primis politica e istituzioni. Quelle regionali, che anche il Digiacomo rappresenta, hanno sempre dichiarato che avrebbero supportato il Pio La Torre, pure facendosi carico del costo dei controllori di volo fino alla firma del contratto di programma con lo Stato».

L’occasione veniva colta per dare notizia di un incontro, avvenuto una settimana prima a Roma, tra i vertici di So.a.Co., il sindaco di Comiso Filippo Spadaro e i dirigenti di Enav ed Enac. Argomento della riunione era la proroga, senza costi aggiuntivi, di tre mesi del servizio di assistenza al volo. Le richieste sono state accolte e la scadenza, prevista per il 30 maggio, è stata posticipata per «dare tempo alle istituzioni regionali di intervenire», riporta la nota di Enzo Taverniti e Rosario Dibennardo (rispettivamente amministratore delegato e presidente di So.a.Co.).

Alla fine della seduta, durata più di ventiquattro ore, la finanziaria è stata approvata. Alle 7 del mattino, durante le battute finali, l’annuncio definitivo è arrivato: l’emendamento presentato dall’opposizione è stato accolto positivamente e la copertura finanziaria per il servizio di controllo dei voli è stata trovata. «In extremis, si è riusciti a evitare questa sciagura – ha comunicato Assenza – e ad assicurare così, all’intera Isola, una struttura che contribuisce a garantire una continuità territoriale di vitale importanza».

La stipula della convenzione per il servizio di assistenza già prima dell’apertura definitiva, nel 2013, aveva messo a rischio e prolungato i tempi necessari al decollo della struttura. Alla fine, i fondi erano stati messi a disposizione dall’ente regionale: 4,5 milioni di euro versati alla So.a.co che a sua volta venivano girati all’Enav. Così sarà anche stavolta, con il costo ancora a carico della Regione.

Alcune posizioni critiche in merito però vengono espresse da anni da Gianni Scapellato, in passato direttore dell’aeroporto di Malpensa e consigliere tecnico del comune di Comiso per la trasformazione da base militare in aeroporto civile. Secondo cui i costi per l’assistenza al volo devono essere forniti gratuitamente. «Perché il Pio La Torre deve pagare il servizio? È una struttura di proprietà del Comune di Comiso su terreno della Regione. Secondo la legge (articolo 697 – Aeroporti aperti al traffico civile) gli aeroporti degli enti pubblici locali sono equiparati a quelli dello Stato. Quindi i servizi garantiti per il corretto funzionamento dell’aeroporto non devono avere costi per i proprietari, ma devono essere garantiti dall’Enav».

La critica non si ferma: «Il caso della convenzione con Enav è eclatante ed è l’indice della vicenda. Serve solo ai politici, che adesso potranno andare con i petti gonfi, salire su un palco e dire che è stato grazie a loro. C’è una connivenza spaventosa tra una politica che elargisce elemosine e un’imprenditoria che attende i contributi; i politici però si inseriscono in un vuoto dell’industria». Arriva poi al nocciolo, secondo lui, della questione: «Manca il management. Un aeroporto vive con visioni strategiche di trenta o quaranta anni (come la durata della concessione del Pio La Torre). E invece qui si discute di mese in mese. Come si possono, senza programmazione, attirare investimenti importanti?». Da settimane infatti si attende la pubblicazione di un bando di 1,6 milioni di euro per la concessione di nuove tratte aeree. Forse il ritardo è stato causato anche dalla diatriba sulla convenzione Enav e sul supporto economico.

Scapellato si congeda con una domanda, al termine di un ragionamento: «La So.a.Co. è capitalizzata; seppure registra perdite modeste (siamo in fase iniziale), ha un capitale importante. Ma il modello di business qual è? Il management che progetti ha per i prossimi quaranta anni? Secondo me, alla base, c’è una incapacità industriale di programmazione. Che non è solo della So.a.Co., ma dell’intero territorio. Dov’è l’imprenditoria iblea? Quali scelte sta compiendo per lo sviluppo dell’economia (connessa al suo aeroporto)? Cui prodest questo stallo?».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]