Acireale, nuotate a singhiozzo in attesa del depuratore Divieto e revoca in pochi giorni. «Ci atteniamo all’Asp»

Due ordinanze di senso opposto, a distanza di pochi giorni. Una che dispone il divieto di balneazione, l’altra che invece ridà la possibilità a residenti e turisti di tuffarsi e nuotare. È accaduto nei giorni scorsi ad Acireale, dove il sindaco Stefano Alì ha prima dato mandato al settore Ecologia di disporre i cartelli informativi in alcuni punti delle frazioni di Capomulini e Santa Maria la Scala – due delle mete preferite ogni estate dai bagnanti – e poi ha revocato l’ordine. All’origine del dietrofront, però, non c’è stata né una svista né un problema di valutazione. 

I due provvedimenti, infatti, hanno fatto seguito alle indicazioni provenienti dal laboratorio di sanità pubblica dell’Asp di Catania, che il 15 luglio ha appurato il superamento di alcuni valori microbiologici. La situazione è però cambiata nel giro di pochi giorni, con le controanalisi che hanno dato un risultato tale da consentire al Comune di revocare il divieto. L’episodio, non è una novità da queste parti, riporta l’attenzione sull’assenza di depuratori in tutto il comprensorio. «Non facciamo altro che attenerci alle segnalazioni dell’Azienda sanitaria – commenta Alì a MeridioNews Finché non verrà realizzata la rete fognaria lì dove manca e i reflui non saranno lavorati dall’impianto di depurazione non c’è nulla da fare».

Quello della depurazione è un tema che negli anni scorsi ha animato il dibattito cittadino, mettendo in luce l’incapacità della politica di riuscire a localizzare l’area in cui costruire un’opera totalmente finanziata dalla Comunità europea. Dal canto suo l’Ue, a fronte dei molteplici ritardi che hanno interessato larga parte della Penisola, da anni sanziona l’Italia. Le cose sono parzialmente cambiate nel momento in cui il governo nazionale ha deciso di nominare un commissario unico – per anni è stato Enrico Rolle, mentre da qualche mese il ruolo è svolto da Maurizio Giugni – con il compito di sostituirsi a sindaci e governatori. Ed è così che anche ad Acireale è stato trovato il luogo dove realizzare il depuratore, dopo che per un po’ era stato ipotizzato di farne due in zone diverse. L’impianto servirà anche i comuni di Aci Catena, Aci Bonaccorsi, Aci Sant’Antonio, San Giovanni la Punta, Santa Venerina, Trecastagni, Valverde, Viagrande e Zafferana Etnea. «Speriamo che le gare per gli affidamenti delle opere procedano senza intoppi», è l’auspicio del sindaco.

La prima riguarda la progettazione. Del valore di 1,8 milioni di euro, il bando è stato pubblicato in primavera e ha visto chiudersi i termini per partecipare a metà giugno. L’appalto verrà aggiudicato con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, con il punteggio che sarà costituito per il 90 per cento dalla valutazione tecnica e la restante parte dal ribasso economico. Ai professionisti che usciranno vincitori spetterà in primo luogo verificare che nel luogo individuato non ci siano faglie attive non visibili, e poi, appurata l’assenza, avviare tutte le indagini che porteranno alla realizzazione del progetto definitivo ed esecutivo. L’aggiudicatario avrà quattro mesi di tempo per completare le attività. Successivamente bisognerà pensare a indire le gare per la costruzione del depuratore e dei collettori – sia a gravità che a pressione – che dovranno portare i reflui dalle abitazioni: in ballo ci sono circa 180 milioni di euro. Ai cittadini spetterà, invece, pagare l’allaccio alla rete fognaria. Un aggravio che dovrebbe andare in bolletta ma che dovrebbe servire a ridurre i rischi per la salute per vorrà fare una nuotata.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]