Aci Catena, sindaco chiede 260mila euro alla parrocchia Nel 2017 finì sotto il fercolo. Sacerdote: «Cattivo gusto»

«Citare in giudizio l’assicurazione della chiesa era l’unica strada che si poteva intraprendere perché venisse riconosciuto quanto ho subito. Non mi sono rivalso contro la curia o la chiesa, che terrò fuori da tutto». La richiesta di accordo bonario con l’assicurazione della chiesa non è andata a buon fine, così il sindaco di Aci Catena Nello Oliveri ha deciso di passare per le vie legali chiedendo un risarcimento di circa 260mila euro. Ed è con queste dichiarazioni rilasciate a MeridioNews che prova a spiegare l‘ultimo capitolo di una vicenda lo vede protagonista

La sera del 15 agosto del 2017, in occasione dei festeggiamenti di Maria santissima della Catena, patrona della cittadina, Oliveri rimase travolto dal fercolo in corsa durante la tradizionale trasuta ‘o chianu, quando il simulacro della Madonna fa il suo ingresso in piano Umberto, la piazza principale. In quella occasione, Oliveri, che si trovava insieme ai devoti, ha riportato delle gravi conseguenze agli arti inferiori. Insieme a lui, ad avere la peggio fu anche un devoto. Quell’episodio, oltre a sconvolgere il momento concitato, ha causato al primo cittadino delle conseguenze permanenti al suo stato di salute. La prima udienza che vedrà Oliveri davanti a un giudice per stabilire se avrà diritto al risarcimento è fissata per il prossimo 26 gennaio.

«Non ho citato in giudizio nessuno all’infuori dell’assicurazione – spiega Oliveri – Il parroco della chiesa Matrice, don Carmelo Sciuto, è stato solo informato dal mio avvocato, un atto dovuto. Non voglio prendermela con nessuno, anche perché io ho una profonda devozione verso la Madonna e rispetto verso la chiesa: non mi potrei mai rivalere contro. I giudici riconosceranno o meno quanto ho subito: da quel giorno sono rimasto invalido al 55 per cento. Se ne avrò diritto sarò risarcito, altrimenti non avrò nulla a pretendere. Attorno a questa cosa si è voluto montare un caso, facendomi passare come uno che vuole speculare». Il primo cittadino catenoto poi torna sulla vicenda, provando a ricostruirla a distanza di oltre quattro anni. Secondo Oliveri l’incidente sarebbe avvenuto a causa della sostituzione della rampa che permette al fercolo di salire nella piazza. «Ai tempi qualcuno ha deciso di sostituire la scivola in legno con una in ferro – afferma – Così, io e altri abbiamo perso l’equilibrio e siamo scivolati: insieme a un devoto con cui ci trovavamo sul lato destro del fercolo abbiamo avuto la peggio. Mentre chi si trovava sul lato sinistro è finito fortunatamente fuori dalla traiettoria del fercolo». 

Ma se da un lato Oliveri prova a sgomberare il campo da possibili conseguenze per la chiesa Matrice di Aci Catena, di opinione differente è don Carmelo Sciuto. Il parroco che si è insediato quasi alla fine del 2019 prendendo il posto di Sebastiano Privitera. «Già nel 2017 l’assicurazione aveva precisato che la parrocchia non è responsabile dell’incidente e che non sarebbero stati riconosciuti danni al sindaco – replica Sciuto – La questione sembrava chiusa, ma lo scorso 11 ottobre mi è arrivata la notifica per la citazione in giudizio, così ho pensato bene di rivolgermi ai miei avvocati, non prima di chiedere pareri al Consiglio pastorale. Ci costituiremo parte civile, perché non sappiamo ancora questo tipo di atto nei confronti dell’assicurazione che tipo di riflessi potrà avere sulla nostra parrocchia e sulla festa». 

Sciuto risponde pure alla ricostruzione fornita da Oliveri. «Il sindaco sostiene di essere caduto per la scivola, ma ci sono delle immagini che sembrerebbero mostrare che non è così – continua il prete – In ogni caso il primo cittadino dovrebbe stare dietro e non davanti al fercolo ed essere colui che dovrebbe vigilare sulla sicurezza. Vedremo quali pieghe prenderà la storia e cosa diranno i giudici». Subito dopo l’incidente, l’allora parroco Sebastiano Privitera insieme alla parrocchia pagò le spese per la riabilitazione di Oliveri per oltre mille euro. «Ci aspettavamo la conclusione di questa vicenda. La scelta del sindaco la ritengo di cattivo gusto», chiosa Sciuto.

(riprese video di Basilio Orfila)


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]