AAA cercasi lavoro su internet Proposte indecenti, annunci surreali

Cerchi lavoro? Noi sappiamo come fregarti. Dovrebbe essere questo lo slogan di molti siti internet che pubblicano annunci per la ricerca di lavoro. Grazie ai vari disclaimer – reperibili più o meno facilmente all’interno del sito – lo stesso si solleva da qualsiasi responsabilità sul contenuto degli annunci, sulla decenza della proposta pubblicata o sull’affidabilità dell’inserzionista. E con tanta pazienza ed un pizzico di rassegnata ironia, si potrà capire parecchio sul mondo del (non)lavoro, addentrandosi nella selva selvaggia degli incarichi non retribuiti mascherati da speranze di gloria e testando con mano la presunta furbizia di molti datori di lavoro.

Ho iniziato a cercare un’occupazione subito dopo la laurea e, non avendo i «contatti giusti» né santi in paradiso, e vivendo in una città grande e dispersiva come Milano, mi sono affidata a parecchi siti che si occupano della pubblicazione di annunci di lavoro: Infojobs, Bianco lavoro, Lavori creativi, Trovit, Bakeka.it, Kijiji, Jobrapido solo per nominarne alcuni. Il meccanismo è piuttosto semplice: si effettua una ricerca utilizzando alcune parole-chiave – nel mio caso giornalismo, giornalistawebzineredattoreMilano – e si accede agli annunci. Per comodità si può attivare l’allerta, inserendo il proprio indirizzo e-mail e ricevendo periodicamente gli annunci contenenti le parole-chiave di proprio interesse direttamente nella propria casella di posta elettronica. In alcuni siti – come nel caso di Infojobs – è necessario prima registrarsi, compilare un form anche parecchio dettagliato che richiede la compilazione del curriculum e permette l’inserimento di dati specifici, come il reddito percepito. In altri è sufficiente cliccare, allegare il proprio curriculum con qualche riga di presentazione ed incrociare le dita.

Ogni giorno ricevo parecchie mail contenenti annunci di lavoro ed ogni giorno leggo vere e proprie proposte indecenti, maldestri tentativi di raggiro, inserzioni surreali, talmente tanti da aver maturato decisione di raccoglierli in una galleria di immagini su Facebook – e prossimamente su un blog dedicato – per poter almeno sorridere e condividere con i miei contatti telematici questo tipo di esperienza. Qualche esempio? «La collaborazione s’intende a titolo gratuito, ma permette l’ottenimento del tesserino. INVIATE IL VOSTRO CV!».

Con molta probabilità, la figura del pubblicista potrebbe venir declassata a causa della liberalizzazione delle professioni agognata dal Decreto di stabilità, ma fino a quando la legge sull’accesso all’elenco pubblicisti dell’Albo dei giornalisti resterà in vigore, la retribuzione sarà un vincolo imprescindibile al fine di ottenere un tesserino. Di annunci di questo tipo se ne trovano a decine: alcuni promettono «la massima visibilità», altri manifestano cordoglio e dispiacere, altri ancora parlano di «compenso simbolico», ma il succo del discorso rimane sempre quello, lavorare gratis. Sulla stessa lunghezza d’onda, le numerosissime offerte di «stage non retribuito».

Può capitare anche di leggere l’annuncio diramato da un fantomatico portale di informazione online che non esiste (in genere si tratta di annunci-trappola per aver accesso ai dati sensibili di chi invia ingenuamente il curriculum). Gettonatissima anche la formula «siamo no profit, quindi non vi paghiamo». Oppure può capitare di imbattersi in un’offerta di stage giornalistico in tele-lavoro, che è un po’ come dire «impara a nuotare nel deserto».

Esiste una possibilità di difesa per i poveri precari in cerca di lavoro? Non ancora: la maggior parte dei siti di annunci funziona come un semplice aggregatore e non vigila in effetti sul contenuto o sull’identità del mittente. Mai, nemmeno quando si paga per poter visionare un annuncio di lavoro: capita ad esempio anche su Infocity.it, che si propone di «aiutare gli addetti del settore nella ricerca di opportunità professionali, con contenuti attendibili, evitando perdite di tempo in un comparto dove le incertezze e le notizie poco affidabili sono frequenti. Gli annunci di Infocity dedicati al lavoro – si legge sul sito – sono notizie e informazioni cercate ed elaborate con cura e che possono fornire buone occasioni. Per questo sono a pagamento». Ma anche qui ci si può imbattere nell’immancabile disclaimer: «Infocity non si assume responsabilità per il contenuto degli annunci pubblicati».

E allora chi se le assume queste responsabilità? Se ne fanno carico gli utenti, denunciando e denigrando. Repubblica degli stagisti  si impegna ormai da tempo su questo versante, mentre in questi giorni impazza l’hashtag #nofreejobs su Twitter, perché – come dice il blogger Paolo Ratto – «gratis non si lavora, si ozia».

Il sito Annuncicreativi.com dà anche occasione – a chiunque voglia metterci la faccia – di commentare tramite il proprio account Facebook un annuncio, dare il proprio feedback, a costo di esporsi ma almeno potendo riderci su. Chissà che non si avveri il motto «una risata vi seppellirà».

 

[Foto di courosa]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]