A18, stanotte riapre la carreggiata per Messina Cas: «Frana dovuta a recenti precipitazioni»

Nella tarda serata di oggi una corsia dell’autostrada Catania-Messina verrà riaperta a senso unico. Chi deve viaggiare in direzione della città dello stretto potrà farlo regolarmente percorrendo la A18. Chi, invece, dovrà seguire il percorso inverso, è costretto a scegliere una delle due alternative: uscire a Roccalumera e proseguire verso Catania lungo statale 114 Orientale sicula, paralizzata dal traffico nelle ultime ore, o la statale 185 fino a Barcellona Pozzo di Gotto. È quanto deciso nel vertice di oggi pomeriggio alla Prefettura di Messina, dopo la frana che ha colpito l’autostrada in territorio di Letojanni. 

«Verranno posizionati dei blocchi di cemento, dei new jersey, lungo la carreggiata che verrà aperta, per bloccare eventuale materiale che può cadere dalla frana in movimento», spiega Bruno Manfrè, tecnico della protezione civile regionale. È questo il motivo per cui la corsia verso Catania, ristretta, non può essere fruibile nel doppio senso di marcia. Per alleggerire il traffico dei mezzi pesanti, in centinaia rimasti bloccati a Messina, stasera verrà effettuato anche un trasporto eccezionale via mare dalla città dello Stretto a Catania con un traghetto della Caronte & tourist. Cento euro di biglietto per ogni camion. «Si tratta di un prezzo onesto, nessuna speculazione – sottolinea Giuseppe Richichi, leader dell’Aias, l’associazione italiana degli autotrasportatori -. Una cifra comunque inferiore a quella che gli autisti avrebbero dovuto affrontare percorrendo le strade alternative». A beneficiare della possibilità, tuttavia, non saranno tutti coloro che ne avranno bisogno: «Con un solo viaggio giornaliero si riesce a servire un centinaio di mezzi, bisognerebbe aumentare le corse. Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni».

Da domani inizieranno gli interventi di consolidamento della collina a monte della A18 da cui oggi è venuta giù una parte di costone. «Si tratterà di realizzare un terrazzamento», spiega Salvatore Pirrone, direttore generale del Cas, l’ente che gestisce l’autostrada che in queste ore è il principale imputato. Critico Vincenzo Garofalo, vicepresidente della commissione trasporti della Camera dei Deputati: «Il Cas sa bene che l’area interessata allo smottamento di questa notte è molto particolare da un punto di vista idrogeologico – ha affermato in una nota -. Non è pensabile che si intervenga quando il danno è ormai fatto. Occorrono interventi strutturali o il rischio è che si producano danni incalcolabili in termini non solo economici». Pirrone, però, respinge le accuse: «La frana – replica – non era censita e non tutta la circolazione può fare capo al consorzio, anche l’Anas, i Comuni e le province devono fare la loro parte. Le case a monte della collina sono lì da decenni, tutti dobbiamo vigilare». Pirrone addebita lo smottamento «alle recenti precipitazioni che hanno causato allagamenti a Giardini, Taormina e Catania». Inoltre spiega che un mese fa, il 14 settembre, a causa di «un movimento franoso poco più avanti rispetto a quello odierno, ho chiesto al Comune di Letojanni di aprire un tavolo tecnico per affrontare il problema, ma nessuno ci ha risposto. Abbiamo portato tutte le carte in prefettura». 

I sindaci del territorio respingono le responsabilità e rimandano la palla nel campo del Cas: «A chi vuole farci passare per abusivi, dico che questi problemi ci sono sempre stati e ci saranno sempre – attacca il primo cittadino di Taormina, Eligio Giardinai movimenti franosi li decide la natura, ma, a prescindere da questi, la A18 e la A20 non sono autostrade civili, sono fuori dalla normalità e in più si paga un alto pedaggio».  E l’assessore regionale ai Trasporti, Giovanni Pizzo, commenta: «Sulle strade siciliane sta franando di tutto. Non si può lavorare così». Il prossimo aggiornamento si avrà domani mattina, alle 9 è previsto un nuovo vertice in Prefettura a Messina. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]