A Salina il festival del documentario internazionale Dal pesce spada al primo jazzista, le storie siciliane

L’isola di Salina si prepara a ospitare dal 7 al 12 giugno la decima edizione del festival del documentario, il SalinaDocFest. Grande è l’attesa per il concorso internazionale che quest’anno prende il titolo di Ma(d)re Mediterraneo. Il fine è eloquente: capovolgere il quadro attuale che ritrae il Mediterraneo come teatro di tragedie, proponendo uno scenario alternativo fatto di accoglienza e avvicinamento tra i popoli. Facendo leva sulla conoscenza e la narrazione, grazie al contributo dei documentari. Fra gli ospiti in arrivo sull’isola Kasia Smutniak, Corrado Formigli, Jacopo Quadri e Gianfranco Rosi in collegamento da Londra per la proiezione di Fuocoammare, il film vincitore dell’Orso d’oro al Festival di Berlino che verrà proiettato dopo l’inaugurazione. 

Un’importante novità di questa edizione, oltre al Focus Algeria, è il nuovo concorso nazionale Sicilia.Doc che vuole rendere omaggio alla terra che lo ospita. La sezione propone diversi interessanti lungometraggi: Magic Island di Marco Amenta; Sicily Jass  di Michele Cinque; Triokala di Leandro Picarella e ’U Ferru di Marco Leopardi. 

Magic Island racconta la storia di Andrea, un giovane musicista newyorkese che rientra in Sicilia per fare i conti con il passato, tentando di ricostruire il ricordo del padre defunto. Il film di Michele Cinque, girato tra la Sicilia e New Orleans, propone la vicenda problematica di Nick La Rocca, trombettista autodidatta di origini siciliane che, insieme alla sua band, nel 1917 incide il primo disco della storia del jazz. Triokala, invece, è un viaggio alla scoperta delle tradizioni, delle superstizioni e delle bellezze naturali di Caltabellotta, borgo agrigentino che i Greci chiamavano Triokala per via dei tre doni ricevuti da madre natura: la fertilità delle campagne, l’abbondanza delle acque e la roccaforte inespugnabile. Infine, protagonista di ‘U Ferru è uno studente di biologia marina, figlio di uno dei più rinomati cacciatori di pesce spada dello Stretto di Messina. Il documentario di Marco Leopardi mette lo spettatore di fronte a un dilemma che richiede una scelta tra lo sfruttamento della natura e una nuova coscienza ambientale. La giuria che valuterà i lavori è composta dai giornalisti Maria Cuffaro di Rai 3, Salvatore Cusimano di Rai Sicilia e Mario Di Caro di Repubblica.

«Nel corso degli anni, il SalinaDocFest è divenuto sempre più popolare e ricco di proposte – commenta Marzia Spanu, dell’ufficio stampa del festival -. Alla prima edizione eravamo davvero pochi e finora l’evento si è tenuto nel mese di settembre. Quest’anno, però, abbiamo deciso di spostarlo a giugno. La grande affluenza registrata nelle ultime edizioni è motivo di soddisfazione, anche perché dimostra che gli abitanti di Salina sono interessati al cinema impegnato e all’arte in generale. E a proposito di ciò, – aggiunge Marzia Spanu – va ricordato che l’isola, nonostante ospiti il festival del documentario, è ancora oggi priva di cinema. Un paradosso da eliminare, ed è per questo che stiamo cercando di sensibilizzare le autorità locali per la realizzazione di una sala cinematografica, magari nello splendido Palazzo Marchetti».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal 7 al 12  giugno torna il SalinaDocFest. La rassegna internazionale, giunta alla decima edizione, sarà incentrata sul Mediterraneo e ne proporrà una visione alternativa. Tra i lavori dedicati all'Isola, dal dilemma del figlio biologo di un cacciatore di pesce spada, alle tradizioni di Caltabellotta

Dal 7 al 12  giugno torna il SalinaDocFest. La rassegna internazionale, giunta alla decima edizione, sarà incentrata sul Mediterraneo e ne proporrà una visione alternativa. Tra i lavori dedicati all'Isola, dal dilemma del figlio biologo di un cacciatore di pesce spada, alle tradizioni di Caltabellotta

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]