A Ognina i funerali del boss Pippo Ercolano La figlia: «Beati i perseguitati dalla giustizia»

«Beati i perseguitati dalla giustizia, perché di essi è il regno dei cieli». Giuseppe Ercolano, u zu Pippu, per la sua famiglia è stato un perseguitato. «Ma dio è un giudice giusto – dice Mariella Ercolano ai partecipanti al funerale del padre, morto nella sua casa di Catania il 29 luglio, a 76 anni – e finalmente sarà giudicato come merita». Perché Pippo Ercolano «era un uomo, un uomo vero», trattato «ingiustamente». Che adesso, «da lassù, grida “Evviva! Grazie, Gesù, per avermi liberato dalle catene che mi hanno tenuto imprigionato in vita”».

Giuseppe Ercolano era il cognato del boss Nitto Santapaola, avendone sposato la sorella. E proprio lei, dalle prime file della chiesa di Ognina non ha detto una parola. Stretta nei suoi vestiti neri e nel suo contegno, Grazia Santapaola ha lasciato parlare Mariella e le sue giovani nipoti. Ma la mafia e gli omicidi sono rimasti lontani dal pulpito. Ridotti a maldicenze. Non una parola sul carcere per associazione mafiosa, né sui continui arresti, né sul 41 bis al quale è scampato per via del suo precario stato di salute, né sul processo Iblis nel quale era implicato. Non un accenno a quel suo figlio, Aldo Ercolano, all’ergastolo per l’omicidio – concordato con lo zio Nitto Santapaola – del giornalista catanese Giuseppe Fava.

Davanti a una bara sobriamente ricoperta di fiori, Giuseppe Ercolano – uomo d’onore a partire dagli anni Settanta e membro di spicco di Cosa nostra nei suoi anni più violenti – è solo «un uomo forte, determinato, orgoglioso». Nel discorso di Grazia, una nipote, u zu Pippu è «un temerario, un uomo rispettoso, che lotta per i suoi valori che sono diversi da quelli del resto del mondo e per i quali non esita a combattere». Ercolano nonno, Ercolano boss. Ma quando l’altra nipote comincia a parlare – è giovane, pare appena ventenne – è chiaro che l’uomo di mafia non è argomento da toccare. «Come tutti i miei cugini, ho avuto poco modo di conoscere mio nonno», comincia calma. Poi s’infervora: «Alla faccia di chi lo disprezza, di chi disprezza la sua famiglia, di chi ci guarda con determinati occhi… Non avete capito nulla. Ma di cosa parlate?». «Parlate di quello che avete letto – continua – di quello che avete sentito, ma non sapete niente, non sapete quello che c’è nel nostro cuore e non esiste che vi permettete di dire determinate cose. Siete ignoranti, è l’ignoranza che vi fa parlare». E conclude: «Nonostante tutto quello che si dice, io sono orgogliosa di averlo avuto come nonno, sono orgogliosa di essere parte della sua famiglia». Gli applausi, per lei, sono fortissimi. Tutti si alzano in piedi. Subito dopo, il prete conclude la messa.

I dipendenti delle onoranze funebri iniziano a sistemare le ghirlande sulle auto. Sono tutte dell’azienda D’Emanuele. Sebastiano D’Emanuele e Natale D’Emanuele sono i cugini di Nitto Santapaola. La loro famiglia, secondo indagini che partono negli anni Novanta, controlla il racket del caro estinto. Nel 2010 sono stati arrestati Antonino e Andrea D’Emanuele, complici secondo i magistrati del meccanismo che legava gli infermieri degli ospedali alle imprese D’Emanuele, chiudendo il mercato delle onoranze funebri in un monopolio.

Dopo le condoglianze di rito, la folla si disperde. Due uomini anziani, intervenuti anche loro alla cerimonia, si fermano a parlare davanti alla porta della chiesa: «Non è rimasto più nessuno», dice uno dei due, in dialetto stretto. «Ormai – gli risponde l’altro – ci è rimasta soltanto la buona parola».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Figlie e nipoti di Giuseppe Ercolano hanno parlato dal pulpito della chiesa in cui si sono celebrati i funerali del boss, morto lo scorso 29 luglio all'età di 76 anni. Era il cognato di Nitto Santapaola e il padre di Aldo Ercolano, adesso all'ergastolo per l'omicidio di Giuseppe Fava. Per Cosa nostra, era un uomo d'onore. Per i suoi parenti, «un uomo vero, che lottava per i suoi valori e per il rispetto». La mafia? Una maldicenza popolare

Figlie e nipoti di Giuseppe Ercolano hanno parlato dal pulpito della chiesa in cui si sono celebrati i funerali del boss, morto lo scorso 29 luglio all'età di 76 anni. Era il cognato di Nitto Santapaola e il padre di Aldo Ercolano, adesso all'ergastolo per l'omicidio di Giuseppe Fava. Per Cosa nostra, era un uomo d'onore. Per i suoi parenti, «un uomo vero, che lottava per i suoi valori e per il rispetto». La mafia? Una maldicenza popolare

Figlie e nipoti di Giuseppe Ercolano hanno parlato dal pulpito della chiesa in cui si sono celebrati i funerali del boss, morto lo scorso 29 luglio all'età di 76 anni. Era il cognato di Nitto Santapaola e il padre di Aldo Ercolano, adesso all'ergastolo per l'omicidio di Giuseppe Fava. Per Cosa nostra, era un uomo d'onore. Per i suoi parenti, «un uomo vero, che lottava per i suoi valori e per il rispetto». La mafia? Una maldicenza popolare

Figlie e nipoti di Giuseppe Ercolano hanno parlato dal pulpito della chiesa in cui si sono celebrati i funerali del boss, morto lo scorso 29 luglio all'età di 76 anni. Era il cognato di Nitto Santapaola e il padre di Aldo Ercolano, adesso all'ergastolo per l'omicidio di Giuseppe Fava. Per Cosa nostra, era un uomo d'onore. Per i suoi parenti, «un uomo vero, che lottava per i suoi valori e per il rispetto». La mafia? Una maldicenza popolare

Figlie e nipoti di Giuseppe Ercolano hanno parlato dal pulpito della chiesa in cui si sono celebrati i funerali del boss, morto lo scorso 29 luglio all'età di 76 anni. Era il cognato di Nitto Santapaola e il padre di Aldo Ercolano, adesso all'ergastolo per l'omicidio di Giuseppe Fava. Per Cosa nostra, era un uomo d'onore. Per i suoi parenti, «un uomo vero, che lottava per i suoi valori e per il rispetto». La mafia? Una maldicenza popolare

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]