A Catania arriva Nextdoor, l’app della porta accanto Il prof: «Strumento in più per costruire dei legami»

Il social network della porta accanto arriva a Catania e il concetto di buon vicinato diventa 2.0. Nextdoor, l’app di quartiere, nata negli Stati Uniti nel 2011 e diffusa dal 2016 anche in Europa (Francia, Inghilterra, Paesi Bassi e Germania), è «il modo più semplice e sicuro per stare in contatto con i tuoi vicini», come si legge dal sito. «Lo strumento dell’applicazione è nuovo, ma ricalca la realtà delle social street – commenta a MeridioNews Davide Bennato, docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi e dei media digitali all’università di Catania – Sono realtà che funzionano meglio in quartieri popolari già vivi e vissuti dalle persone che li abitano, mentre – continua – è più complicato che si formi un senso di comunità forte attraverso la tecnologia se non esiste una vita sociale del luogo».

Insomma, pare difficile che l’app riesca a cambiare la fisionomia di un quartiere dormitorio. L’obiettivo principale del social network è «permettere ai vicini di casa di creare community locali per migliorare la vita dei quartieri e renderli più sicuri». Basta inserire nome, cognome e indirizzo (quest’ultimo verificato con la geolocalizzazione) per iscriversi all’app che è totalmente gratuita. Se il quartiere in cui si risiede non è ancora presente, è possibile anche candidarsi per diventare membro fondatore. Consigli e raccomandazioni, proposte di vendita o di prestito, locandine di eventi, segnalazioni su questioni di sicurezza o reati, annunci di oggetti e animali smarriti. Di questo, per lo più, sono fatte le home dei quartieri del capoluogo etneo. Ma c’è anche chi prova a fare un «salto di qualità». 

È questo il titolo di un post di un utente sulla bacheca della III circoscrizione etnea (ex III Municipalità Borgo-Sanzio). «Io mi sono iscritto perché credo possa essere utile a far crescere un vero senso di comunità – scrive l’uomo – un sentimento oramai sconosciuto da noi catanesi che non andiamo al di là della cerchia familiare e guadiamo gli altri come nemici da affossare. Questa deleteria subcultura – continua – ci rendere deboli nel rivendicare diritti. Cosa c’è di più bello di una comunità consapevole e solidale che può diventare forte quando si unisce e condivide obiettivi e rivendicazioni nei confronti dei politici locali?».

Cambiano i legami sociali e, con loro, anche i modi di sperimentarli. «Bisogna andare oltre i concetti di reale e virtuale che si integrano e hanno conseguenze concrete l’uno sull’altro – analizza Bennato – Nextdoor, anche in città come Catania, rappresenta un’opportunità in più di costruire delle relazioni sociali sulla base di una comune appartenenza a uno stesso posto». Un modo come un altro, insomma, di mettersi (o di rimanere) in contatto con il dirimpettaio o con l’inquilino dell’appartamento di fronte o della strada parallela. «Sono infatti già molti i casi di persone che hanno risolto dei problemi grazie a queste tecnologie che permetto di mettersi in contatto con il vicinato», spiega Bennato.

Tra scambi di informazioni utili, ricerche di una baby sitter o un idraulico last-minute, locandine per pubblicizzare eventi in zona e chi si mette a disposizione per dare una mano ai vicini con prestazioni di servizi di vario tipo, sono molti gli utenti catanesi che invitano al corretto utilizzo dell’app. C’è, infatti, chi tenta di usarla per espliciti fini commerciali. Al contrario di quanto avviene negli Stati Uniti, però, in Italia la piattaforma non è (ancora) accessibile per le imprese. Anche se questo non impedisce al titolare di una piccola azienda locale di dialogare con chi vive nel quartiere per farsi conoscere. «Ciò a cui bisogna fare attenzione, infatti – afferma il docente – è che questa piattaforma diventa un raccoglitore di dati iper-specifici con profilazioni a livello microgeografico, il che può risultare interessante a livello commerciale». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]