A bordo del canadair precipitato sull’Etna un pilota sopravvissuto a un incidente aereo 25 anni fa

Sospese ieri sera con l’arrivo del buio, sono riprese questa mattina intorno alle 7 a monte Calcinera, sull’Etna nel territorio di Linguaglossa (in provincia di Catania) le ricerche dei due piloti che ieri pomeriggio erano a bordo del canadair 28 precipitato durante un’operazione di spegnimento di un incendio nella zona. Stando a quanto ricostruito finora – anche grazie a diversi video dell’incidente – dopo avere effettuato sulle fiamme del rogo il lancio di acqua di cui si era rifornito in mare nella zona di Giarre, il canadair si è abbassato e ha urtato con la carena sulla fiancata della montagna. Così è precipitato e, all’impatto con il suolo, il velivolo è esploso. La deflagrazione ha causato anche un incendio che ha reso ancora più difficile l’intervento dei soccorritori e le ricerche. E, infatti, non sono stati ancora trovati i corpi dei due piloti a bordo, Roberto Mazzone e Matteo Pozzoli.

Quest’ultimo, 58 anni, è già stato al centro delle cronache per un altro incidente avvenuto 25 anni fa. È l’8 agosto del 1997 quando un piccolo aereo militare guidato dal pilota responsabile dell’aeronautica militare Matteo Pozzoli, all’epoca trentenne, cade su un faggeto nella zona di monte Lupone tra Cori, Norma e Latina (nel Lazio). Nell’incidente muore il capitano – anche lui di 30 anni – Maurizio Poggiali, che si preparava per diventare un astronauta. Per Pozzoli – che all’epoca era figlio del sindaco leghista di Erba (in provincia di Como, in Lombardia) – inizia un lungo processo che si è concluso nel 2012 con la sentenza di condanna della Cassazione a un anno e sei mesi di reclusione per omicidio colposo e disastro aereo. Per l’accusa il velivolo cadde per una manovra sbagliata e una «condotta spericolata» da parte del pilota che avrebbe anche violato le istruzioni ricevute. Riammesso al volo, Pozzoli «è addirittura stato premiato con due promozioni – ha sempre lamentato il fratello della vittima – Prima a maggiore e poi a tenente colonnello, proprio mentre era in corso il processo».

Su quanto accaduto ieri alle pendici dell’Etna è in corso un’indagine da parte dei carabinieri della compagnia di Randazzo coordinati dalla procura di Catania. In una nota della protezione civile regionale divulgata ieri pomeriggio si legge che «potrebbe essersi trattato di un improvviso guasto tecnico». Intanto, continuano le ricerche da parte di corpo forestale, protezione civile e vigili del fuoco che stanno utilizzando anche i droni. E, senza che sia ancora stata comunicata l’ufficialità del decesso delle due vittime – perché i corpi non sono stati ritrovati – cominciano ad arrivare i primi messaggi istituzionali di cordoglio. «Sono vicino alle famiglie e ai colleghi di lavoro colpiti da questa tragedia – si legge in un comunicato del presidente della Regione Renato Schifani – Esprimo profondo cordoglio per la morte dei due piloti impegnati insieme ai nostri uomini e donne del corpo forestale della regione e della protezione civile in attività di prevenzione e spegnimento incendi sull’Etna».


Dalla stessa categoria

I più letti

Giustizia per Emanuele Scieri

«Ricordate che in tutti i tempi ci sono stati tiranni e assassini e che, per un certo periodo, sono sembrati invincibili, ma alla fine, cadono sempre, sempre». È da un aforisma del mahatma Gandhi che ha preso spunto l’avvocata Alessandra Furnari nella sua discussione durante il processo per l’omicidio volontario aggravato di Emanuele Scieri, il parà siracusano 26enne in servizio militare trovato cadavere nell’agosto del 1999 […]

«Una macchina di imbrogli e di sotterfugi manzoniana che si è sviluppata sull’esigenza di un costrutto che doveva raccontare un’altra versione dei fatti». Così il procuratore di Pisa Alessandro Crini ha definito la ricostruzione da parte dell’esercito di quanto accaduto all’interno della caserma Gamerra nell’agosto del 1999 nel corso della sua requisitoria a cui è […]

Catania archeologica, l`occasione mancata

In una nota protocollata al Comune etneo a metà gennaio l'associazione di piazza Federico di Svevia chiede di gestire il bene del XII secolo, abbandonato, per garantirne «a titolo gratuito e senza scopo di lucro, la fruibilità». Adesso interrotta dal cambio del lucchetto del cancello da cui vi si accede e dalle divergenze con uno degli abitanti, che risponde: «C'era il rischio per la pubblica incolumità»

I processi a Raffaele Lombardo