2012, il lavoro che nel mondo non c’è più

E ora che avremmo scoperto la “particella di Dio” che spiega l’inizio di tutto? Che ce ne facciamo? Peter Higgs, lo scienziato scozzese che lo aveva previsto e gli altri scienziati di Ginevra che hanno confermato che aveva ragione, possono forse con la scoperta “dell’inizio del mondo” scongiurare “la fine di questo mondo”?

Non vogliamo disturbare i salti di gioia dei bravi scopritori del bosone di Higgs, ma bisogna abituarsi all’idea che il mondo sta finendo. Calma, non dico che finisca tutto, ma quel mondo che abbiamo conosciuto finora e in cui ci siamo cosí tanto abituati a vivere, sta sparendo.

Sarà la fine della nostra vita così come ci siamo abituati a viverla. Si sta esaurendo quel mondo in cui un americano, un italiano, un europeo, un giapponese, un coreano, un australiano, ha vissuto dopo il 1945. Quel mondo nato dopo la Seconda Guerra Mondiale e rafforzato dopo la Guerra Fredda. Sta sparendo quel sistema di ordine delle faccende umane che, come scrisse provocando il politologo americano Francis Fukujama, vincendo aveva fatto finire pure la storia.

La sveglia sembrava avercela data l’11 settembre del 2001 ma, nella sua immane tragedia, quell’attacco ha forse “ritardato” la nostra presa di coscienza che quel nostro mondo che avrebbe dovuto far finire la storia, stesse a sua volta per terminare. La vera sveglia suona nel 2008, quando ci siamo resi conto che il sistema economico che organizzava la nostra vita, il nostro lavoro, le nostre vacanze, le nostre cure, si era inceppato. Già, quella economia non funzionava più perché il suo vero motore, il credito, era stato fatto fondere da banchieri sempre più fuori le regole.

Il sintomo principale che il nostro mondo sta morendo? Il lavoro sparito, quello soprattutto per i giovani, non si trova più. E per coloro così fortunati che un lavoro lo hanno ancora, non basta più per campare.

Gli 80 mila “new jobs” che a giugno quel motore ormai fuso è riuscito ad aggiungere negli Stati Uniti, sarebbero troppo pochi e per Barack Obama si mette male, ora rischia il suo “job”. Ma come? Il presidente che ti entra alla Casa Bianca quando l’America perdeva centinaia di migliaia di posti di lavoro, dovrebbe sloggiare perché 80 mila posti in più sono troppo pochi? Per votare chi, Mitt “terminator” Romney che per rendere le aziende più profit eliminava posti di lavoro o li trasferiva all’estero? E’ come se ad un carrozzone sostituissimo il cavallo un po’ lento con uno sí veloce, ma che si ostina a correre nel senso contrario alla nostra destinazione…

Alle Nazioni Unite, questa settimana sono stati distribuiti dei dati che confermano quanto i giovani nel mondo non trovino più lavoro. Non lo trovano coloro che hanno studiato grazie ai sacrifici delle loro famiglie, così come quelli che ne cercano uno qualunque per far sopravvivere i loro cari. Per l’Onu ci sono 75 milioni di giovani che cercano lavoro invano, e più di 200 milioni di giovani che hanno un lavoro ma guadagnano meno di 2 dollari al giorno!

Intanto in Italia uscivano le cifre sulla disoccupazione giovanile con percentuali mai viste prima: 36,2%. Per carità, anche gli italiani erano un po’ abituati male, con quel “posto” dove uno si ferma e si “sistema” per sempre. Se potessi avere “mille lire al mese” cantavano i nostri nonni. Ma se mantenere un posto per tutta la vita è sognare un mondo che non c’è più, un lavoro dignitoso che ci consenta di vivere e che possa essere sostituito quando si dovesse perdere, dovrebbe essere ancora un diritto.

Per la Costituzione italiana la nostra Repubblica è fondata sul lavoro. Stravaganze di legislatori? La nostra Costituzione del 1948, che guarda caso è una data che coincide con la Dichiarazione universale dei diritti umani, quella sottoscritta alla fondazione dell’ONU che all’articolo 23, recita:

Ogni individuo ha diritto al lavoro, alla libera scelta dell’impiego, a giuste e soddisfacenti condizioni di lavoro ed alla protezione contro la disoccupazione.

Ogni individuo, senza discriminazione, ha diritto ad eguale retribuzione per eguale lavoro.

Ogni individuo che lavora ha diritto ad una rimunerazione equa e soddisfacente che assicuri a lui stesso e alla sua famiglia una esistenza conforme alla dignità umana ed integrata, se necessario, da altri mezzi di protezione sociale.

Ogni individuo ha diritto di fondare dei sindacati e di aderirvi per la difesa dei propri interessi.

Ma si può continuare ad enunciare un diritto in una Costituzione per poi costantemente negarlo? Il mondo che conosciamo finito in mano ai “banksters”, così chiamati non dall’agenzia di stampa cubana, ma dall’Economist di Londra, non riesce più a creare jobs e infatti sta scomparendo.

Chi non lavora, non fa l’amore cantava Celentano. Cioè non c’è più un futuro per questo mondo. Ma lavorare non può tornare ad essere una condanna inflitta da Dio, dopo la cacciata dai giardini dell’Eden.

Bravissimi gli scienziati che hanno scoperto la “particella” dell’inizio del nostro cammino fin qui, ma ora c’è bisogno di altrettanto capaci scienziati della politica per ricreare un mondo dove il lavoro non sia un castigo ma un diritto da salvaguardare.

Foto giovani disoccupati tratta da intermarketandmore.finanza.com


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]