Formazione tra affari & clientele

Come abbiamo più volte documentato sul nostro giornale – e come hanno più volte ribadito tanti protagonisti degli Enti storici che operano in Sicilia nella formazione professionale – la gestione di questo settore, da parte del governo della Regione, sta suscitando aspre polemiche.

Il presidente della Regione, Raffaele Lombardo e, soprattutto, l’assessore al ramo, Mario Centorrino, cercano in tutti i modi di ‘magnificare’ una riforma del settore che, indubbiamente, c’è, ma non è quella descritta dal governo.

Molti Enti formativi storici sono stati messi da parte. Ma, al contrario di quello che vogliono far credere Lombardo e Centorrino, nella gestione di questo settore non è cambiato molto. L’unico cambiamento sostanziale – del quale il presidente della Regione e l’assessore regionale alla Formazione professsionale non parlano – riguarda i titolari degli Enti formativi che dovrebbero gestire i 286 milioni dell’Avviso 20. Ammesso e non concesso, ovviamente, che la Corte dei Conti non lo impugni, visto che manca ill cofinanziamento da parte della Regione e alla luce, sopratutto, del cosiddetto costo standard, che consentirebbe agli Enti di tenersi una parte dei soldi nel caso in cui i corsi – eventualità assai probabile – dovessero costare meno dello stesso costo standard: e questo sa un po’ di assurdo, trattandosi, appunto, di denaro pubblico.

Ma, a parte questi problemi, è interessante notare la ‘novità’ introdotta dall’attuale governo. Se i vecchi Enti storici della formazione professionale rispondevano, in parte, alla politica e ai sindacati, gli Enti ‘selezionati’ dall’attuale Governo regionale rispondono, per oltre l’80 per cento dei casi, direttamente alla politica (sindacati compresi).

Mentre nel resto d’Italia si discute di ridurre i costi della politica, in Sicilia succede qualcosa di incredibile: gruppi di parlamentari, nazionali e regionali, sono diventati i proprietari degli Enti di formazione professionale. Niente più mediazione con gli Enti formativi storici, in molti casi fatti fuori. E, invece, gestione diretta da parte dei parlamentari e dei loro ‘galoppini’.

Addirittura, ci sono società dove si ritrovano i parlamentari, soli o a gruppi. Con il Governo regionale che, guarda caso, nel selezionare gli Enti ‘migliori’ sceglie proprio quelli di proprietà dei parlamentari. In pratica, con i 286 milioni di euro del Fondo sociale europeo la politica siciliana – chi più chi meno – si prepara a gestire le ormai imminenti elezioni regionali.

Il tutto con una tranquillità e una sfacciataggine che non ha eguali nel passato di questo settore. Dove le ‘mangiuglie’ (leggere greppie) non sono mai mancate. Ma dove una cosa del genere non si era mai vista. Per vederla, abbiamo dovuto aspettare l’arrivo degli ‘autonomisti’ di Lombardo, del Pd e della Cisl.

La fretta di arraffare questi 286 milioni di euro da parte della partitocrazia truffaldina siciliana è tale che lo stesso governo ha dimenticato un piccolo ‘particolare’ che gli è costato un po’ di voti. Per finanziare, con i 286 milioni di euro dell’Avviso 20, gli Enti formativi che ormai, come già accennato, fanno capo direttamente ai parlamentari nazionali e regionali, il governo ha sbattuto in Cassa integrazione oltre 8 mila lavoratori degli Enti formativi messi fuori. Ma ha ‘dimenticato’ di approntare i soldi – per la parte che compete finanziariamente alla Regione, circa 10 milioni di euro – per consentire agli oltre 8 mila dipendenti degli Enti formativi rimasti senza lavoro di percepire la Cassa integrazione.

Il risultato è che, da gennaio di quest’anno, i nuovi disoccupati della formazione – cioè i già citati oltre 8 mila dipendenti degli Enti formativi “definanzati” (la definizione è dell’assessore Centorrino) – sono senza Cassa integrazione.

Direte: e i sindacati non dicono nulla? Esattamente. Perché anche loro, con i loro Enti di formazione, aspettano la ‘panella’ dell’Avviso 20. Quindi tacciono. Un grande esempio di ‘coerenza’ sindacale e di ‘strenua’ difesa dei lavoratori…

Infine, una considerazione e una notazione.

La considerazione: che succederà se la Corte dei Conti dovesse bloccare l’Avviso 20? Come affronteranno la prossima campagna elettorale i partiti e certi sindacati, con riferimento, soprattutto, al Pd, all’Mpa e alla Cisl?

La notazione: solo per attivare la Cassa integrazione per gli oltre 8 mila dipendenti della formazione professionale il Governo della Regione, come già accennato, avrebbe dovuto versare 10 milioni di euro. Ma non ha trovato questa somma. Poi, però, scopriamo che, nella nuova legge ‘finanziaria’ (camuffata da legge semplice ma, di fatto, una nuova finanziaria omnibus) che mercoledì prossimo andrà in discussione all’Ars, Governo e Assemblea regionale siciliana al gran completo vorrebbero ripristinare tutti i fondi (in parte già impugnati dal commissario dello Stato) della tabella H: e cioè oltre 50 milioni di euro, che in buona parte sono clientele allo stato puro.

Ma come: i soldi per attivare la Cassa integrazione per i lavoratori della formazione professionale – 10 milioni di euro – non ci sono e poi spuntano quasi 60 milioni di euro per la tabella H? Ma…

Tutti gli enti dell’Avviso 20: trova l’amico…

Avviso 20, se ne parlerà a ‘Chi l’ha visto’?
Cosa si nasconde dietro l’Avviso 20?

 

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]