Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scoppia il caso sessismo all'interno del M5s all'Ars
Marano: «Capigruppo uomini, prevale maschio alfa»

La deputata etnea ha pubblicato un post in cui attacca frontalmente i colleghi per la scelta di designare nuova guida del gruppo Giovanni Di Caro. Finora l'unica donna è stata Valentina Zafarana. «Mi batto per la parità e sto in un gruppo che umilia le donne»

Redazione

Scoppia la polemica sul sessismo all'interno del Movimento 5 stelle all'Ars. Un post della deputata etnea Jose Marano rischia di aprire una nuova crepa in un partito che, negli ultimi anni, non ha brillato per compattezza, fino a portare alla scissione guidata Angela Foti, che ha portato alla nascita di Attiva Sicilia. La querelle, in questo caso, riguarda le scelte interne al Movimento a Palazzo dei Normanni e, nello specifico, la scelta del nuovo capogruppo che guiderà i pentastellati nel 2021 prendendo l'eredità di Giorgio Pasqua. La scorsa settimana i cinquestelle si sono riuniti per votare e a spuntarla, praticamente all'unanimità, è stato il favarese Giovanni Di Caro. Una scelta che, secondo Marano, sarebbe figlia del maschilismo dominante. 

«L’elezione di un nuovo capogruppo uomo umilia ruolo e dignità delle donne in seno al gruppo del Movimento - si legge in un post su Facebook - Gli elettori siciliani del M5s nel 2017 hanno scelto con il loro voto otto parlamentari regionali donne e dodici uomini. Il Movimento è il gruppo parlamentare che ha eletto più donne in Assemblea regionale Siciliana ma, allo stesso tempo, queste vengono umiliate - specifica la deputata - non vengono pensate e scelte nei ruoli chiave». In effetti, a eccezione, della parentesi targata Valentina Zafarana, il Movimento 5 stelle a sala d'Ercole è stato sempre guidato da uomini: da Giancarlo Cancelleri a Francesco Cappello, da Giorgio Pasqua al neocapogruppo Di Caro. E per Marano il futuro sarebbe già segnato. «Diventa matematica il fatto che dopo Di Caro il gruppo ha già scelto un altro uomo», afferma l'esponente etnea eletta per la prima volta all'Ars a novembre 2017. 

Per Marano, qualcuno avrebbe giocato sporco. «Era stato infatti deciso che il prossimo sarebbe stata una donna al primo mandato. Evidentemente al maschietto alfa di turno la cosa non andava bene», è l'attacco frontale, che fa riferimento anche alle scelte fatte al consiglio di presidenza in questi anni. «Dopo l’insediamento, furono proposti ed eletti Giancarlo Cancelleri vicepresidente dell’Assemblea, Salvatore Siragusa deputato questore, Stefano Zito deputato segretario», ricorda Marano. Che poi elenca la sindaca di Roma Virginia Raggi, la prima cittadina di Torino Chiara Appendino, la ministra dell'Istruzione Lucia Azzolina, la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, la viceministra all'Economia Laura Castelli e l'ex ministra della Sanità Giulia Grillo come esempi di donne eccellenti nel M5s nazionale. In Sicilia, però, le cose andrebbero diversamente. «Da anni porto avanti battaglie per la piena parità, durante questa legislatura ho presentato un disegno di legge per la parità salariale e faccio parte di un gruppo parlamentare che stenta ad attribuire alle donne ruoli di responsabilità. È un paradosso - conclude Marano - per me inaccettabile».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×