Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cassa integrazione, si dimette dirigente generale Vindigni
Musumeci: «Su questa vicenda occorrerà fare chiarezza»

Era subentrato alla guida del dipartimento solo a metà marzo, ma è il primo a pagare per la disastrosa gestione da parte della Regione dell'ammorizzatore sociale che 138mila siciliani aspettano da due mesi

Redazione

È l'ultimo arrivato al dipartimento Lavoro ma il primo che se ne va. Il dirigente generale Giovanni Vindigni, subentrato a metà marzo alla guida del delicato ufficio, ha rassegnato le dimissioni che sono state accolte dal presidente della Regione Nello Musumeci e dall'assessore Antonio Scavone. Paga la disastrosa gestione da parte della Regione della cassa integrazione in deroga per i dipendenti da due mesi senza stipendio a causa del Covid.

Su proposta dello stesso assessore Scavone, la giunta regionale, riunitasi nel primo pomeriggio, ha affidato l'incarico ad interim al ragioniere generale Giovanni Bologna, che si è già insediato.
«Il dottore Vindigni - ha sottolineato Musumeci - è persona perbene, trovatasi, suo malgrado, al centro di una vicenda - quella dei ritardi nelle pratiche per la cassa integrazione - sulla quale occorrerà fare chiarezza. Per questa ragione con l'assessore Scavone abbiamo avviato un'indagine interna e stiamo verificando, al tempo stesso, la quantità e la qualità del lavoro prodotto in questi dieci giorni dai dipendenti collocati in lavoro agile». 

Sono ancora circa 138mila i lavoratori siciliani che hanno fatto richiesta della Cig in deroga e che attendono. Fino a oggi sono 5.023 le pratiche inviate dalla Regione all'Inps su un totale di circa 140mila. Avvio delle procedure in ritardo rispetto ad altre regioni e una piattaforma informatica rivelatasi assolutamente non idonea sono alla base dei ritardi siciliani. Nelle ultime 24 ore si è aggiunta la querelle sul bonus chiesto dai sindacati per ogni pratica evasa dai dipendenti dei centri per l'impiego, in sostituzione del pagamento degli straordinari. Una vicenda su cui la ministra della Pubblica amministrazione Fabiana Daidone ha annunciato di volerci vedere chiaro e ha inviato gli ispettori a Palermo.

Domattina, intanto, alle 10.30, Musumecui e Scavone terranno una conferenza stampa a Palazzo Orleans per fare il punto sui temi della cassa integrazione e sulle risorse ai Comuni destinate all'assistenza alimentare delle famiglie disagiate.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×