Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rifiuti, ministero boccia Regione e chiede inceneritori
Trizzino: «Il M5s è contrario, ma la legge dice questo»

I deputati pentastellati parlano di «conta dei fallimenti» e «governo del nulla». Intanto Legambiente attacca a proposito dell'indicazione sui termovalorizzatori da parte del ministero dell'Ambiente guidato da Costa. La stessa che da Roma rivolgono a Palermo da quattro anni

Miriam Di Peri

Foto di: Luisa Santangelo

Foto di: Luisa Santangelo

Una continua «conta dei fallimenti» da parte del governo regionale. Il Movimento 5 Stelle torna ad attaccare il governo Musumeci dopo la bocciatura da parte del ministero dell’Ambiente del piano rifiuti. «Un governo del nulla - secondo il capogruppo, Francesco Cappello - che continua a collezionare fallimenti, uno dopo l’altro».

Addirittura, secondo il deputato Giampiero Trizzino, il presidente sarebbe riuscito a fare «peggio del suo predecessore, con la confusione che ha messo in moto all'interno della commissione Ambiente e dell'Aula. Quanto meno Crocetta aveva capito che c'era la necessità di una riforma dei rifiuti che ha provato a fare, ma non c'è riuscito e ha accantonato il piano». Secondo i deputati pentastellati il tema sarebbe anche questo: il piano rifiuti «è basato su un disegno di legge (non approvato ndr) che potrebbe essere smontato in qualunque momento da un emendamento soppressivo».

Certo, resta un grande nodo politico, rispetto al quale anche Legambiente Sicilia questa mattina è insorta: la prescrizione del Ministero di realizzare due grandi termovalorizzatori nell’Isola, come previsto dal decreto Sblocca Italia nell'ormai lontano 2015 quando al governo c'era Renzi. Situazione che non è cambiata neanche adesso. Così l’associazione ambientalista, nel ribadire il proprio giudizio negativo sul piano rifiuti della Regione, definisce quella sugli inceneritori «una proposta vergognosa. Non facciamo passare sotto silenzio questa scellerata ipotesi - sottolineano dall’associazione - che ci farebbe tornare indietro e ricominciare un avvilente dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti in Sicilia».

Ma Trizzino difende il Movimento, sottolineando come «il ministro Costa e l’intera organizzazione politica siano contrari agli inceneritori». Com’è possibile, dunque, essere contrari e prescrivere a una Regione di realizzare gli impianti? «Il piano dei rifiuti - dice ancora - è carente di ogni profilo legato agli scenari futuri e, quindi, anche alle discariche. Ecco perché i dirigenti del ministero si chiedono che fine farà la frazione indifferenziata se non andrà in discarica. È una deduzione legittima che fanno gli uffici del ministero, ma politicamente il ministro Costa e il M5s sono contrari a ogni forma di incenerimento. Il problema si pone nel momento in cui la Regione fornisce un piano che non prevede che la frazione indifferenziata vada completata all'interno delle discariche». Tornando alle critiche del ministero al governo regionale, secondo l'assessore regionale Alberto Pierobon non ci sarebbe alcuno scandalo, ma si tratterebbe di «normali osservazioni, che il ministero ha fatto, anche con altri enti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×