Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, lista Micari-presidente presentata in ritardo
A rischio la soglia del 5% e Crocetta rimarrebbe fuori

È appeso alla decisione dell’ufficio elettorale il futuro della lista dalla formazione più tormentata: quella di Arcipelago Sicilia, in cui sono confluiti anche i candidati del Megafono. Nella città dello Stretto l'elenco è stato depositato con otto minuti di ritardo. Se venisse esclusa, le conseguenze a livello regionale sarebbero gravi

Simona Arena

Domani si saprà se alle prossime elezioni del 5 novembre, a Messina, potranno ambire a una poltrona anche i candidati della lista Arcipelago Sicilia–Micari presidente. Ieri, infatti, alle 16 in punto, termine ultimo per la presentazione delle liste, l'elenco dei nomi non era ancora arrivato. La lista è stata depositata alle 16.08 e adesso rischia di non essere ammessa. Sarà l’ufficio elettorale circoscrizionale, presieduto dalla magistrata Daniela Urbani, giudice del tribunale di Messina, a decidere. E appesi al pronunciamento del giudice non ci sono solo i candidati messinesi. 

Se infatti la lista non venisse accettata, le conseguenze potrebbero essere molto gravi per l’intera colazione. A rischio c’è il raggiungimento della soglia del 5 per cento su base regionale. Perdendo i voti della provincia di Messina, le altre liste potrebbero non bastare per centrare il risultato sperato. Non solo: proprio Rosario Crocetta, che alla fine è stato candidato soltanto nella provincia di Messina, rimarrebbe certamente fuori dall'Assemblea regionale siciliana. 

Per capire come si è arrivati a esporsi a questo rischio bisogna tornare alla sera di giovedì, quando si consuma lo strappo tra Tani Isaja, vicesegretario provinciali del Partito democratico, e lo stesso Pd. Isaja è costretto a lasciare la lista dem per fare posto a Mariella De Pasquale, (e garantire così le quote rosa), e passare nella lista in costruzione Micari-presidente. Qui transitano anche i candidati di Crocetta inseriti inizialmente nel Megafono

Gli otto minuti di ritardo rispetto alla scadenza delle 16 di venerdì, sarebbero dovuti al ritardo con cui è stata presentata la documentazione relativa ai candidati aggiunti in extremis agli unici due nomi inizialmente presenti: Nicola Barbalace e Aurora Notarianni. Nella lista ritardataria oltre a Crocetta, Barbalace, Notarianni e Saja, ci sono Nunziato Grasso, Alessandra Colino, Sandro Raffa e Massimo Simeone. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si vota in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Chiamati alle urne anche cinque Capoluoghi: Catania, Messina, Siracusa, Ragusa e Trapani. Sfide importanti anche in altri 13 centri superiori ai 15mila abitanti, dove è possibile ...

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni Politiche 2018

Il 4 marzo si vota per il rinnovo di Camera e Senato. In Sicilia possibile testa a testa tra centrodestra e M5s

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×