Lia Pipitone, nuove dichiarazioni sulla sua morte «Tante donne dei boss morte per la loro libertà»

«Ricordo che Nino Pipitone da subito mal tollerava la libertà e la vivacità della figlia, che era una persona allegra e molto affettuosa». Lo dice il pentito Francesco Di Carlo in un interrogatorio del 21 giugno 2016. Durante il quale ricostruisce nel dettaglio l’agguato in cui Lia Pipitone perde la vita il 23 settembre 1983. «Rosalia era nata per la libertà ed è morta per la sua libertà», continua il pentito. Che descrive con precisione anche la mentalità mafiosa per cui le relazioni extraconiugali – provate o anche solo presunte – non possono essere tollerate da Cosa Nostra. «La stessa sorte è toccata prima alla sorella e poi alla cognata di Lucchiseddu». A subire lo stesso trattamento di Lia sarebbero state anche altre donne legate in qualche modo all’organizzazione criminale. Come, ad esempio, Giuseppina Lucchese e la cognata Luisa Gritti, punite dall’esponente di Brancaccio Giuseppe Lucchese che sospettava avessero degli amanti. Colpevoli, in verità, solo di una libertà inconciliabile con le regole della mafia.

A raccontare dell’omicidio delle due giovani donne avvenuto nel 1984 al bar Alba di piazza Don Bosco è anche Giovanna Galatolo, figlia del boss dell’Acquasanta Vincenzo Galatolo, oggi imputato nel processo per riconoscere Lia Pipitone vittima di mafia, la cui udienza preliminare è stata rimandata al 27 ottobre. Secondo i racconti, anche per le due donne sarebbe stata organizzata una messinscena. «C’è stato il periodo che si sono cominciati a verificare degli omicidi assieme agli amanti delle donne, perché Pippo Lucchese con una parrucca bionda ha ucciso sua sorella con la complicità di Pino Greco, detto Scarpuzzedda», dice la donna in un interrogatorio del 14 febbraio 2014. «Fra di noi donne c’era la ciuciaria. Parlavamo tutti di tutti i commenti che durante il giorno si facevano – prosegue Giovanna Galatolo – Quando furono arrestati all’Ucciardone, si commentò che Pippo Lucchese fece credere che sua sorella spacciasse droga ed era stata uccisa per questo. Lui stesso prese la busta della droga e gliela mise in macchina».

Pare, infatti, che sia stato lo stesso Lucchese – all’epoca latitante – a sparare alla sorella, indossando una folta parrucca bionda per non farsi riconoscere. Rimarrà ucciso lui stesso nella guerra fra clan mafiosi degli anni Ottanta. Anche il presunto amante della sorella, il cantante di musica napoletana Pino Marchese, viene ritrovato morto. Ha i genitali tagliati e messi in bocca. Un altro rituale di Cosa nostra. Tanto eloquente quanto raccapricciante, per sottolineare che le donne di mafia appartengono ai rispettivi uomini che le sposano. E da quel momento divengono intoccabili.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]