Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rifiuti, ok alla riduzione di conferimenti a Sicula
«Ma il sistema reggerà, basta superare l'estate»

L'incontro tra gli amministratori giudiziari e i vertici dell'assessorato è durato tre ore. «Clima costruttivo», commenta chi c'era. Presente anche Calogero Foti, il prossimo dirigente generale. Le alternative passano dagli impianti di Ragusa e Gela

Simone Olivelli

Foto di: jasmin sessler

Foto di: jasmin sessler

Meno conferimenti, ma in una misura che non dovrebbe determinare stravolgimenti nella gestione dei rifiuti e, cosa più importante, evitare che possa partire una nuova emergenza con l'estate alle porte. La riunione di ieri in Regione, tra gli amministratori giudiziari della Sicula Trasporti - la società a cui è stata sequestrata la grande discarica di Lentini - e i vertici dell'assessorato si è conclusa in serata. Tre ore contrassegnate, stando a chi ha assistito, da «un clima costruttivo grazie al quale si è individuato un percorso alternativo che, nel breve periodo, scongiugerà tracolli del sistema». Anche se, è l'ammissione, «ci si continua a muovere sul filo del rasoio».

Al centro dell'incontro - a cui non ha partecipato l'assessore Alberto Pierobon, che aveva già incontrato gli amministratori, mentre era presente il suo staff oltre al dirigente generale uscente Salvatore Cocina e al suo successore Calogero Foti - la richiesta della società di ridurre la quantità di spazzatura che ogni giorno varca i cancelli dell'impianto. Con il rischio - già corso sabato scorso e poi rientrato - che le linee di produzione non reggano. Una situazione di stress che arriva a ridosso dell'esame dell'istanza con cui la Sicula Trasporti chiede di avere autorizzati altri 4,5 milioni di metri cubi di capacità di abbancamento e che si aggiunge alle altre preoccupazioni della Regione, legate ai recenti incendi nella discarica pubblica di Castellana Sicula e all'impianto di trattamento meccanico-biologica di Enna. Episodi che, nella loro sequenzialità, hanno destato più di qualche sospetto. 

Dal faccia a faccia con gli amministratori giudiziari, accompagnati a Palermo dal direttore tecnico della Sicula Marco Morabito (anche lui indagato nell'inchiesta della Dda di Catania), è venuto fuori che per i prossimi mesi nel sito di Grotte San Giorgio non arriveranno i rifiuti provenienti da diversi centri della Sicilia sud-orientale. Tra i quali Ragusa, che dovrebbe potere tornare a usufruire dell'impianto di Tmb presente sul proprio territorio. Per altri Comuni, invece, la soluzione sarà quella di conferire nella discarica di Gela. Nel frattempo alla Sicula Trasporti spetterà fare la manutenzione necessaria a rimettere in sesto i propri macchinari.

«L'obiettivo è quello di superare l'estate indenni - commentano dall'assessorato a margine dell'incontro -. Dopo la stagione calda, le cose dovrebbero migliorare per andare ancora meglio l'anno prossimo». Un ottimismo che si basa anche sulla crescita della differenziata che ormai ha superato il 40 per cento su base regionale. Ma anche, questo però non è nessuno a dirlo, sul fatto che per allora la Sicula Trasporti potrebbe avere già pronte le nuove vasche per tornare così a fagocitare la spazzatura di mezza Sicilia. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews