Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Depuratori, la scure dell'Europa sui Comuni siciliani
Una maximulta da 21 milioni più sanzioni giornaliere

Diventerà esecutiva, dal prossimo primo giugno, la sentenza inflitta all'Italia dalla Corte di giustizia europea, in materia di depurazione delle acque reflue. La stangata è di circa 63 milioni di euro fino al settembre 2016. Da quel momento, ogni giorno di inadempienza in più costerà 350mila euro. Un terzo delle multe nell'Isola

Miriam Di Peri

Il tempo delle proroghe è finito e il conto alla rovescia ormai iniziato. A partire dal primo giugno la Sicilia pagherà un prezzo salatissimo per non aver rispettato le direttive europee in materia di depurazione delle acque reflue. Troppi ancora gli scarichi inquinati o non sufficientemente trattati che finiscono nei mari che circondano l’Isola. E così ecco che una delle tante sentenze della Corte di giustizia europea, nello specifico la procedura di infrazione legata ai Comuni «al di sopra dei15mila abitanti equivalenti», tra meno di una settimana diventerà esecutiva.

A renderlo noto, nel corso di un’audizione tenuta lo scorso mercoledì in commissione Sanità all’Assemblea regionale siciliana, è stato Marcello Loria, capo di gabinetto dell’assessore all’Energia Alberto Pierobon. È una vera e propria stangata, quella a cui dovranno fare fronte i Comuni siciliani: se, infatti, la multa da parte dell'Unione europea è a livello nazionale, sarà poi Roma a rivalersi sulle Regioni. E Le Regioni, a loro volta, sui singoli Comuni. Così la sanzione, pari a una multa una tantum di 63 milioni di euro, si riverserà per un terzo proprio in Sicilia. Già, un terzo dei comuni italiani multati per non aver rispettato le normative in materia di depurazione, si trova proprio in Sicilia. Ma c’è di più: oltre alla multa una tantum, di cui alla Sicilia toccherà pagare 21 milioni di euro, l'Ue condanna l’Italia a una sanzione giornaliera a decorrere dal settembre 2016 e che durerà fino a quando gli impianti non scaricheranno realmente acqua depurata in mare. La multa, anche in questo caso, è salatissima: circa 350mila euro al giorno, ancora una volta da ridistribuire ai Comuni inadempienti. In soldoni, le amministrazioni comunali siciliane dovranno pagare una quota parte di circa 116mila euro al giorno. Fino a quando non si metteranno in regola.

Ma questa è soltanto una delle sentenze emesse dalla Ue in materia di acque reflue: per gli agglomerati superiori a duemila abitanti, per esempio, la procedura di infrazione è ancora in corso, ma è molto probabile che anche in quel caso scatteranno le multe. E anche salate. Come faranno i Comuni, già in bolletta, a fronteggiare le sanzioni? Con ogni probabilità le amministrazioni locali non avranno a disposizione le somme per poter pagare le multe dell’Europa, ma questo non significa che la faranno franca. Come già accaduto in altre occasioni, Bruxelles potrebbe decidere di decurtare le somme, in via compensativa, dalle rendicontazioni sulla spesa comunitaria. Lasciando scoperti interi capitoli dei bilanci comunali. Una partita di giro, insomma. Che rischia di lasciare i Comuni in difficoltà praticamente sul lastrico.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×