Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lentini, distrutta lapide per le vittime di mafia
Cittadini lasciano rose con scritta di Impastato

Ignoti hanno rotto e cosparso di escrementi la targa in memoria di Filadelfo Aparo, Cirino Catalano, Carmelo Di Giorgio, Alfio Pisano e Francesco Vecchio, lentinesi uccisi dalla mafia. «Abbiamo denunciato l’accaduto all’autorità giudiziaria, ne costruiremo una più grande e più bella», commenta il sindaco Bosco. Guarda le foto

Danilo Daquino

Ignoti, nel corso della notte, hanno distrutto la lapide che commemorava il poliziotto Filadelfo Aparo, Cirino Catalano, l'operaio Carmelo Di Giorgio, Alfio Pisano e l'imprenditore Francesco Vecchio, tutti cittadini lentinesi vittime di mafia. La targa era stata collocata in una piccola aiuola della villa Marconi lo scorso 23 maggio, su iniziativa del primo istituto comprensivo Vittorio Veneto e della coop Beppe Montana, in occasione della strage di Capaci. 

Sconcertato il sindaco di Lentini, Saverio Bosco: «È un gesto vigliacco, che tradisce un chiaro messaggio di intolleranza rispetto alle iniziative antimafia adottate dall’amministrazione interpretando i sentimenti della stragrande maggioranza dei cittadini lentinesi. Abbiamo denunciato l’accaduto all’autorità giudiziaria che ha avviato le indagini del caso». Secondo alcune testimonianze raccolte dai genitori che stamani erano presenti sul luogo, «la targa era, oltre che completamente distrutta, anche cosparsa di escrementi».

La condanna dell’atto compiuto proprio a pochi passi da una scuola elementare, arriva anche da Giovanna Raiti, referente di Libera e sorella di Salvatore Raiti, lentinese ucciso dalla mafia: «Studenti e insegnanti avevano contribuito con grande impegno alla realizzazione di quella lapide commemorativa – spiega a MeridioNews – perché la memoria è importante sia per i familiari delle vittime di mafia, sia per l’intera società civile. Non so chi ha compiuto questo vile gesto, ma vorrei ricordarvi che la mafia ha manovalanze di ogni età, tra cui anche minori. Dobbiamo combattere questo lato di Lentini, per questo invito la cittadinanza ad alzare la testa e ribellarsi a tutto questo, a schiena dritta».

Dopo l'azione vandalica, questa mattina qualcuno è recato su quel che resta della lapide evocativa e ha posato un mazzo di rose, con un bigliettino: «La mafia è una montagna di merda». Una frase di Peppino Impastato che calza a pennello secondo Raiti: «Peppino diceva che dalla merda può nascere un fiore. La lotta alla mafia deve ripartire assolutamente da villa Marconi. Io ci sono».

Il primo cittadino di Lentini si impegnerà a realizzare «una targa più grande e più bella per commemorare i nostri concittadini uccisi dalla mafia». E intanto anche l’ex sindaco Alfio Mangiameli, che il giorno in cui venne collocata la targa memoria era presente, ci tiene a dire «che la condanna istituzionale, ma soprattutto la voce del popolo, deve essere determinante a scuotere gli animi dei cittadini. Ciò che è successo stanotte – aggiunge Mangiameli – è veramente vergognoso. I responsabili dell’atto vandalico vogliono che la gente sia omertosa e questo non lo possiamo permettere. Dobbiamo reagire».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email