Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

No Muos, Viminale chiede risarcimento agli attivisti
«È l'ennesimo attacco contro i movimenti territoriali»

In un processo allestito contro una cinquantina di attivisti, il tribunale di Gela ha ammesso la costituzione in parte civile del governo. «I movimenti territoriali sono diventati una questione di ordine pubblico» denuncia Giuliana. Mentre si teme che quest'orientamento prosegui anche per i prossimi procedimenti

Simone Olivelli

«Che lo Stato sia sempre stato contro di noi era chiaro, ma che si arrivasse fino a questo punto sinceramente sorprende anche noi». L'attivista No Muos Giuliana Reale commenta così la notizia della costituzione in parte civile del ministero degli Interni in uno dei tanti processi che il movimento antimilitarista sconta al Tribunale di Gela. Nello specifico, come racconta l'avvocato Andrea D'Alessandro, «nell'udienza che si è tenuta oggi (ieri, ndr), il giudice ha ammesso la richiesta del governo di un eventuale risarcimento danni». 

L'episodio si riferisce al 21 settembre 2013, in una fase calda del movimento, quando circa duecento attivisti decisero di allestire un vero e proprio picnic all'ombra delle 46 antenne e delle tre parabole del Muos all'interno della base statunitense di Niscemi. Una manifestazione pacifica che vide persino giungere, all'interno del contestato impianto militare, biscotti, pane e crema al cioccolato; nonché tanti bambini e anche qualche neonato. Per qualche ora la base divenne un grande parco, nel quale alcuni manifestanti gettarono dei semi di piante tipiche della vegetazione mediterranea. Per quell'azione, tuttavia, circa 50 attivisti sta affrontando il processo di primo grado. E ora il Viminale si schiera apertamente contro di essi. 

«Il dato politico è forte - aggiunge Giuliana -. Lo Stato italiano vuole essere risarcito da noi e non da chi ha costruito il Muos. Ed è altrettanto significativo che a volercela fare pagare, in tutti i sensi, non sia il ministero della difesa (che avrebbe competenza sulle strutture militari) ma l'autorità preposta alla pubblica sicurezza. Insomma: i movimenti territoriali sono diventati una questione di ordine pubblico». Una linea che potrebbe fare proseliti. «A dicembre c'è un altro grande procedimento, il cosiddetto maxiprocesso - commenta l'avvocato D'Alessandro - e se il tribunale ha accettato questa richiesta, il timore è possano essercene altre in futuro».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Elezioni comunali 2018 in Sicilia

Il 10 giugno 2018 si è votato in 132 Comuni in tutta l'Isola per eleggere nuovi sindaci e consigli comunali. Il percorso di avvicinamento e il nuovo volto delle amministrazioni. Speciali amministrative 2018

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×