Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La Sicilia deturpata nello sguardo di chi è emigrata
«Ho pulito la spiaggia, io qui vorrei poterci vivere»

Marta ha 21 anni e studia all'Accademia di Brera. Tra pochi giorni tornerà al Nord. Prima però ha voluto dimostrare il proprio affetto per la propria terra. Con un video-denuncia e un impegno diretto. «Fa male vedere come molti non la rispettano», racconta 

Simone Olivelli

«Fa male vedere come molti non capiscano che questa terra andrebbe difesa». Marta, 21 anni, sta trascorrendo in provincia di Ragusa gli ultimi sgoccioli di vacanze estive. Tra poco più di una settimana, così come tanti altri giovani siciliani, rifarà le valigie per tornare al Nord. Nel suo caso, ad attenderla, ci saranno le lezioni nel corso di Nuove tecnologie dell'arte all'Accademia di Brera, a Milano. 

Tra un bagno e l'altro nelle acque di Santa Croce Camerina, Marta, che è originaria di Comiso, ha cercato di sensibilizzare i propri concittadini sul tema del rispetto dell'ambiente. Un appello sotto forma di video. «Mi sono vergognata profondamente nel vedere le spiagge costellate di rifiuti e sentire nell'aria il fetore anziché l'odore del mare - racconta la giovane a MeridioNews - Così ho deciso di girare questo video, contrapponendo le bellezze dei luoghi all'incuria di chi li frequenta». Le immagini sono state riprese a Caucana. «Poche centinaia di metri costa che sarebbero un piccolo paradiso, ma in cui invece abbondano inciviltà e indifferenza», prosegue Marta. 

Osservarla impegnata a riprendere con la telecamera i rifiuti ha suscitato la reazione di qualche residente. «Una signora in dialetto e ad alta voce, stupendosi del fatto che fossi ancora lì a riprendere, mi ha proposto di mostrarmi anche la spazzatura che aveva a casa - racconta -. Mi ha fatto sorridere, anche se è assurdo che ci si meravigli di chi non accetta questo stato di cose». 

Da parte sua Marta non si è limitata a denunciare le condizioni della spiaggia di Caucana, ma ha dato il proprio contributo ripulendo l'area. Ed è lì che ha trovato una piccola sorpresa. «La sera dopo, quando sono ritornata, ho notato che qualcuno aveva provveduto a rimuovere l'immondizia - racconta la 21enne -. Non so se sia stato il mio video a fare da stimolo, né se si sia trattato dell'iniziativa del Comune o di qualche cittadino, in ogni caso mi sento di ringraziarli». 

Il lavoro per lei non è comunque mancato. «Abbiamo riempito ben cinque sacchi, ma non mi è pesato. Questa è la mia terra e contribuire a curarla mi fa sentire bene». Un gesto d'affetto prima di congedarsi dall'Isola. «Per me è sempre un arrivederci. Dopo la laurea, spero di potere tornare. Se tutti se ne vanno, non c'è futuro».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews