Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, il veliero di Mediterranea è a Lampedusa
Resta in stallo la situazione della nave Alan Kurdi

Le due imbarcazioni trasportano, rispettivamente, 41 e 65 persone. La barca a vela Alex si è diretta nell'isola siciliana, definendola «l'unico possibile porto sicuro di sbarco». Al natante della tedesca Sea eye, invece, è stato notificato il divieto

Luisa Santangelo

Una ha appena attraccato al porto di Lampedusa - scortato da una motovedetta della Guardia di finanza e un gommone della Capitaneria di porto - con i 41 naufraghi che ha salvato dal mare lo scorso giovedì, in zona Sar (search and rescue) libica. L'altra, invece, è ancora in alto mare con i 65 migranti che trasporta. Sono i due destini diversi delle navi Alex e Alan Kurdi: la prima è il veliero della ong italiana Mediterranea, la seconda è l'imbarcazione della tedesca Sea eye. «Vadano in Germania», è la solita dichiarazione del ministro dell'Interno Matteo Salvini che ha risposto così alle domande dei giornalisti che lo hanno raggiunto a Milano. «Abbiamo notificato il divieto di ingresso nelle nostre acque territoriali, se disobbedirà ci saranno tutte le conseguenze del caso. Chi infrange le leggi in Italia risponde delle sue scelte».

La posizione del leader leghista non è mai cambiata rispetto al soccorso ai migranti da parte delle organizzazioni non governative che operano nel Mediterraneo. A differenza della nave Alan Kurdi (dal nome del bambino siriano trovato morto su una spiaggia e diventato il simbolo del dolore delle migrazioni), la barca a vela Alex batte bandiera italiana. In un primo momento, a quest'ultima si è tentato di imporre l'attracco nel porto di Malta, a La Valletta. Opzione rifiutata dall'equipaggio dell'associazione Mediterranea che, due ore fa, ha annunciato che si sarebbe diretta verso Lampedusa, definito «l'unico possibile porto sicuro di sbarco». Da più di un'ora il veliero è arrivato a Lampedusa ma nessuno è stato fatto scendere: sul molo è presente un dispiegamento di forze di polizia e un'ambulanza.

Il ministro dell'Interno tedesco Horst Seehofer, nel frattempo, sembra abbia scritto al suo omologo italiano Matteo Salvini. Appellandosi ai «ai nostri condivisi valori cristiani», secondo quanto riportato dall'Adnkronos, il ministro teutonico scrive: «Non deve fare alcuna differenza quale organizzazione» salvi i migranti nel Mediterraneo, né conta «sotto quale bandiera stia navigando» o «se l'equipaggio di una nave o una Ong provenga dalla Germania, dall'Italia o da un altro Paese membro dell'Unione Europea». L'importante, dice il ministro, è che «la Germania e l'Italia devono riuscire a trovare risposte europee alla sfida della situazione migratoria nel Mediterraneo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.