Villa Sofia, arrestato ginecologo per presunta violenza Donna di 28 anni avrebbe ripreso gli abusi col cellulare

Sgomento all’ospedale Villa-Sofia Cervello, dove si è appreso questa mattina dell’ordinanza di custodia cautelare nei confronti del ginecologo Biagio Adile, 65 anni, accusato di violenza sessuale su una donna tunisina di 28 anni. Il provvedimento è stato disposto dalla polizia in servizio presso la Procura del tribunale per i minorenni. Il primario, un conosciuto e apprezzato professionista, si trova attualmente ai domiciliari. Dall’azienda ospedaliera fanno sapere che stanno acquisendo l’atto giudiziario e solo allora decideranno eventuali commenti e azioni da intraprendere.

Ad accusare il ginecologo di due atti di violenza è appunto la donna, che ha indicato pure i luoghi dove questi sono avvenuti: il primo presso lo studio del medico a Palermo e il secondo nell’ambulatorio dell’ospedale, dove Adile dirige l’unità d’uroginecologia. Nel corso delle deposizioni della vittima, tenutesi alla presenza di una psicologa e di un’interprete di lingua araba, la donna ha raccontato di soffrire di gravi problemi ginecologici che in Tunisia l’avevano costretta a subire addirittura 13 interventi chirurgici senza tuttavia ottenere validi risultati e di essersi per questo rivolta all’indagato. 

Da qui le violenze, iniziate a dicembre del 2016. Il medico le avrebbe poi suggerito di fare anche un’ecografia gratuita presso un suo amico che lavorava in ospedale. A questo punto la vittima, temendo che si sarebbe potuta ripetere la violenza, ha portato il cellulare per filmare la visita e così avrebbe ripreso i nuovi abusi. Le indagini sono coordinate dal pm Giorgia Righi e dall’aggiunto Ennio Petrigni e si sono anche avvalse della consulenza tecnica di un perito della procura che ha estrapolato la registrazione. Si sta cercando pure di accertare se il ginecologo abbia violentato altre donne.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento