Omicidio cuoco Lucifora, l’ex carabiniere è stato assolto L’avvocato: «Il suo Dna sul lavandino non si può datare»

È stato assolto con la formula «per non avere commesso il fatto» l’ex carabiniere Davide Corallo che era stato arrestato nel giugno del 2020 con l’accusa di avere ucciso il cuoco modicano Peppe Lucifora trovato morto a novembre del 2019 all’interno della sua casa nel quartiere Dente della cittadina del Ragusano. A decidere per l’assoluzione è stata la corte d’Assise di Siracusa che ha giudicato il 41enne con il rito abbreviato condizionato all’integrazione probatoria delle testimonianze di due professionisti: il medico legale Maurizio Saliva e il biologo ed ex comandante dei Ris di Parma, oggi in congedo, Luciano Garofano

Corallo ha assistito alla sentenza collegato in videoconferenza dal carcere di Catania dove questa mattina è stato trasferito dall’istituto penitenziario di Caltagirone (nel Catanese) dove era detenuto. «Bisogna usare il verbo al passato – sottolinea a MeridioNews l’avvocato Pier Tomasello che lo difende – perché il giudice ha anche deciso la scarcerazione immediata per il mio assistito. Dagli atti dell’indagine – continua Tomasello – ero convinto che l’assoluzione sarebbe arrivata ma non potevo sapere come si sarebbe orientata la corte». L’ex militare si è sempre proclamato innocente ma l’elemento chiave della procura che aveva portato a una svolta e all’indagine a carico di Corallo – che era già in cima alla lista dei sospettati – era stata una sua traccia di Dna trovata dai Ris nel lavandino dell’abitazione della vittima. 

«È una traccia mista di Corallo e di Lucifora – precisa il legale – di cui però abbiamo a disposizione solo una diagnosi generica che non ci indica di quale componente biologica si tratti». Insomma, gli esami effettuati dai Ris non sono arrivati a definire se sia sangue, saliva, sebo o altro. Inoltre, è stato accertato che non è possibile determinare l’arco temporale della traccia. «Nella nostra tesi difensiva – ricostruisce l’avvocato Tomasello – sia io che il generale Garofalo abbiamo ipotizzato che potrebbe trattarsi di una traccia lasciata per contaminazione proprio durante quel sopralluogo». Corallo ha ammesso di avere avuto delle frequentazioni con la vittima. Adesso, però, la sentenza – di cui le motivazioni si avranno entro trenta giorni – dice che non è stato lui l’ultima persona a vederlo. «Restano in campo – conclude il legale difensore – gravi indizi di colpevolezza anche nei confronti di altri soggetti rimasti ancora ignoti». Un caso ancora tutt’altro che chiuso. «La corte ha deciso per l’assoluzione, ma aspettiamo le motivazioni – commenta a questo giornale l’avvocato di parte civile Ignazio Galfo – per capire di conseguenza come agire». A un ricorso potrebbe pensare anche il pubblico ministero. 

Picchiato e strangolato fino a provocare un soffocamento meccanico. Stando ai risultati dell’autopsia sul cadavere, Lucifora avrebbe provato a difendersi, come dimostrerebbero i segni delle percosse sul volto e la frattura della mandibola con spostamento dalla sede originaria. A non lasciargli scampo, però, sarebbe stata la stretta delle mani intorno al collo. Il cuoco era stato ritrovato dai vigili del fuoco, che avevano dovuto forzare la porte d’ingresso, seminudo e chiuso a chiave in camera da letto.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]