No Muos, tutto pronto per la manifestazione di sabato 9 Agosto

TUTTI UNITI CONTRO IL ‘MOSTRO ELETTROMAGNETICO’ CHE I MILITARI AMERICANI VOGLIONO PIAZZARE IN SICILIA GRAZIE A UN GOVERNO ‘COLONIALISTA’ (ROMA) E A UN GOVERNO DI ‘ASCARI’ (GOVERNO REGIONALE)

Gli attivisti “No Muos” tornano a manifestare, Sabato 9 agosto, davanti alla base Usa di contrada Ulmo, a Niscemi, contro il sistema satellitare di comunicazione della marina americana, realizzato, secondo gli stessi contestatori, “in violazione di innumerevoli leggi e della Costituzione”.

Alla manifestazione nazionale, intesa dagli organizzatori come momento di una “crescente resistenza contro le guerre” e contro il tentativo di “trasformare la Sicilia in avamposto militare americano”, hanno dato la loro adesione anche Rita Borsellino e Alfio Foti, rispettivamente presidente e coordinatore dell’associazione “Un’Altra Storia”.
“La Sicilia non può e non deve diventare avamposto bellico – scrivono Foti e Borsellino in una loro nota – ma essere in grado fino in fondo di assolvere ad una funzione di pace, presupposto indispensabile per una crescita qualitativa complessiva di tutta l’area del Mediterraneo”.

Alla manifestazione di sabato prossimo aderiscono anche i protagonisti del Forum Siciliano dei Movimenti per l’Acqua ed i Beni Comuni.

“Siamo contro le installazioni militari americane all’interno del sito di interesse comunitario della Sughereta – si legge in un comunicato del Forum Siciliano dei Movimenti per l’Acqua ed i Beni Comuni -. Il MUOS rappresenta un pericolo per le popolazioni residenti, a partire dai bambini per i quali in particolare si ringrazia l’impegno delle mamme NO-MUOS, ma soprattutto è una ferita inferta all’anelito pacifista che la nostra regione ha sempre espresso, fin dalla marcia di Pio La Torre di 30 anni or sono”.

“Nel rispetto del dettato costituzionale – prosegue la nota – si ribadisce che la Sicilia ripudia la guerra ed ogni strumento di morte che ci rende vettori e bersagli di conflitti internazionali. L’installazione militare del MUOS non va relegata a questione locale, è al contrario di interesse nazionale, e malgrado le palesi incongruenze delle forze che in Parlamento e in Regione hanno alternativamente prima sostenuto e poi bocciato revoche, mozioni, ordini del giorno in merito al Muos, facciamo appello ancora una volta a tutte le forze sane di questo Paese a considerarne la gravità ed a ricercarne la soluzione”.

“La pacificazione del Mediterraneo e del mondo resta un imperativo per i movimenti del Forum – prosegue il comunicato che si batte per l’acqua pubblica in Sicilia – che invitano tutte le parti politiche nazionali e regionali ad un impegno concreto affinché vengano revocate le autorizzazioni e poste in essere le condizioni necessarie alla rimozione dell’installazione militare del MUOS. Per questo, secondo la tradizione pacifista dei movimenti saremo a Niscemi insieme a tanti comitati nazionali impegnati sui Beni Comuni ed il 9 agosto manifesteremo al fianco dei comitati NO-MUOS per ribadire il nostro impegno per la PACE e la sovranità dei territori. Invitiamo ogni istituzione, a partire dagli enti locali, e le donne e gli uomini della nostra regione ad essere presenti e portare la propria vicinanza a chi più da vicino è colpito dall’installazione e subisce l’ingiustificata repressione”.

 

La vigilia di questo ennesimo corteo di protesta e’ stata caratterizzata da alcuni episodi che rischiano di alimentare la tensione tra i dimostranti. Il 2 di agosto, il presidio fisso di Niscemi e’ stato saccheggiato e distrutto da sconosciuti vandali. Qualche giorno prima, la polizia ha notificato a 29 attivisti No Muos altrettanti provvedimenti con cui la magistratura gelese ha imposto agli interessati il divieto di dimora nel territorio di Niscemi perche’ ritenuti tra gli autori degli scontri con le forze dell’ordine avvenuti nell’agosto del 2013 e a marzo di quest’anno. Questi avvenimenti, secondo gli attivisti, sarebbero “messaggi intimidatori” tesi a scoraggiare la manifestazione del 9 agosto. Quanto alla lotta per impedire che il sistema Muos entri in funzione, i coordinamenti regionali guardano con fiducia al 25 novembre perche’ per quella data “e’ attesa la decisione del Tar di Palermo che dovra’ pronunciarsi sulla legittimita’ delle autorizzazioni all’installazione del Muos”.

Fonte Ansa


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]